Insulti e minacce all'arbitro Massa: denunciato l'autore, è un tifoso del Milan

La Questura di Imperia ha denunciato un tifoso del Milan dopo gli insulti e le minacce all'arbitro Massa al termine di Juventus-Milan del 10 marzo.

Con una nota ufficiale, l'AIA, l'Associazione italiana arbitri, ha reso noto che l'autore degli insulti e delle minacce all'indirizzo dell'arbitro Davide Massa dopo le polemiche di Juventus-Milan, è stato individuato e denunciato dalla Questura di Imperia.

"La Polizia di Stato - scrive l'AIA - ha individuato l’autore di insulti e minacce rivolti all’arbitro Davide Massa della CAN A, al termine di una gara del campionato di Serie A dello scorso 10 marzo".

"A conclusione delle indagini su questa vicenda sconcertante, - conclude la nota - ripresa dagli organi di stampa, la Questura di Imperia ha denunciato il protagonista dello spiacevole episodio accusandolo di minacce gravi".

L'uomo, un sessantaduenne incensurato calabrese tifoso del Milan, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, avrebbe telefonato alla sezione AIA di Imperia, alla quale è iscritto l'arbitro Massa, e con il suo Iphone avrebbe rivolto insulti e pesanti minacce al direttore di gara.

Il motivo? Il calcio di rigore concesso alla Juventus al 97' e poi trasformato da Dybala, che ha regalato il successo in extremis alla formazione bianconera. Il tifoso rossonero ha subito una perquisizione domiciliare da parte della Digos, che ha provveduto a sequestrare l'Iphone e altre apparecchiature. L'uomo rischia ora una condanna a un anno di reclusione per il suo comportamento.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità