Euro 2020, insulti razzisti dopo rigori sbagliati. Johnson: "Una vergogna"

·1 minuto per la lettura

Insulti razzisti sui social nei confronti dei tre giocatori di colore dell'Inghilterra che hanno sbagliato i rigori nella finale contro l'Italia, Marcus Rashford, Jadon Sancho e Bukayo Saka. Episodio condannato dal premier britannico Boris Johnson. "Questa nazionale inglese merita di essere lodata come eroina, non di essere oggetto di insulti razziali sui social media. I responsabili di questi orribili insulti dovrebbero vergognarsi", ha scritto su twitter esprimendo solidarietà nei confronti dei giocatori inglesi di colore insultati.

Anche la Federazione di calcio inglese si è detta "disgustata di vedere che membri del nostro team, che hanno dato tutto, sono stati sottoposti ad aggressione discriminatorie sul web dopo il match di ieri sera". "I giocatori hanno il nostro sostegno", ha scritto la Fa sul suo account twitter. In un comunicato, la Federazione ha poi ribadito "la condanna di ogni forma di discriminazione" e si è detta "preoccupata per il razzismo diffuso sui social contro alcuni giocatori inglesi: noi diciamo nel modo più chiaro che chiunque sia dietro questi comportamenti così ripugnanti non è il benvenuto tra i fan di questa squadra".

La polizia di Londra indagherà sugli abusi online contro i giocatori della squadra inglese, ha confermato il sindaco di Londra, Sadiq Khan in un tweet in cui sollecita le aziende che gestiscono le piattaforme social "ad adottare azioni immediate per rimuovere e prevenire questi messaggi di odio". "Abusi razzisti di qualsiasi tipo sono ripugnanti e non saranno tollerati dentro o fuori dal campo", ha aggiunto. "Siamo al corrente dei commenti sui social offensivi e razzisti diretti contro i calciatori in seguito alla finale Euro2020. Si tratta di abusi totalmente inaccettabili, che non saranno tollerati e saranno indagati", ha scritto la Metropolitan police.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli