Inter-Cagliari, asse caldissimo per sbloccare Nandez e Nainggolan

·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

C'è un asse di mercato che si sta sempre più scaldando con il passare dei giorni e con l'inizio dei ritiri estivi. Si tratta di quello che vede coinvolte Inter e Cagliari che stanno provando a far quadrare le rispettive posizioni al fine di accontentare sia le necessità tecniche delle due squadre, sia le volontà di alcuni dei calciatori sotto contratto che, da tempo, spingono per un cambio di casacca. All'Inter è tornato nuovamente Radja Nainggolan, che però spera nell'ennesimo ritorno in Sardegna dove da tempo Naithan Nandez sogna invece il percorso opposto con l'Inter meta gradita e da sempre interessata al talento uruguaiano. Discorsi avviati, ma con situazioni e posizioni economiche distanti e difficili da far quadrare. LE POSIZIONI DEL CAGLIARI - Dal ritiro di Pejo il presidente Giulini era stato chiaro sulla volontà di ridurre il più possibile il monte ingaggi: "Il problema c'è, è inutile negarlo, cercheremo di affrontarlo di petto. Ingaggi come quello di Nainggolan sono anacronistici oggi, cercheremo di riaverlo con noi, la trattativa va avanti". Poi l'allenatore Leonardo Semplici ha ribadito: ​Radja è un giocatore importantissimo, ma come ha detto il presidente ci sono altre valutazioni da fare. Nandez è uno di quelli che ha più mercato, quindi dovremmo fare un sacrificio". Due messaggi diretti e indirizzati a Beppe Marotta che ora dovrà provare il rilancio finale.

DALBERT E PINAMONTI - Che Nainggolan voglia tornare a Cagliari è cosa nota, che il club sardo non possa permettersi i suoi 4,5 milioni di euro per il suo ultimo anno di contratto in nerazzurro anche. Il giocatore potrebbe accettare di spalmare l'ingaggio su più anni ma servirà anche una minima buonuscita dall'Inter (LEGGI QUI LE ULTIME INDISCREZIONI) che potrebbe essere inclusa in uno sconto nell'operazione che porterebbe invece Nandez a Milano. Tatticamente l'uruguaiano potrebbe ricoprire più ruoli e all'occorrenza anche quello di laterale destro, ma la valutazione di almeno 20 milioni stride con l'attuale difficoltà economica del club nerazzurro. E allora la soluzione potrebbe essere rappresentata dall'inserimento nell'affare anche del cartellino di Dalbert. Il terzino brasiliano ha un ingaggio alla portata del Cagliari, e con un contratto in scadenza il 30 giugno 2023 potrà partire in prestito con diritto di riscatto consentendo all'Inter di risparmiare in toto il suo ingaggio. Infine non va sottovalutata la possibilità di un trasferimento in Sardegna anche di Andrea Pinamonti, che piace da tempo al Cagliari, ma che prima dovrà liberare uno slot nel reparto offensivo, o di Lucien Agoume, talento rientrato dal prestito allo Spezia. Idee caldissime pronte ad esplodere, Inter e Cagliari continuano a lavorare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli