Inter-Cagliari, le pagelle di CM: Skriniar-de Vrij-Bastoni, che muro! Eriksen frizzante, riecco il treno Hakimi

Pasquale Guarro
·3 minuto per la lettura

Handanovic 6: Argina senza difficoltà la botta di Nainggolan. Buon riflesso su colpo di testa di Pavoletti, anche se l’arbitro fischierà successivamente un fallo commesso dall’attaccante.

Skriniar 6,5: Costringe Joao Pedro a girare moto al largo. Comanda.

de Vrij 6,5: Domina in fase difensiva e colpisce una traversa con un bel colpo di testa da calcio d’angolo di Eriksen.

Bastoni 7: Legge preventivamente i pericoli e quando c’è da dare qualcosa in più va con coraggio a giocare più alto. Cresce sempre di più.

Darmian 7: Dal suo lato c’è Nandez, ma non sembra soffrirlo molto e anzi, spesso lo attacca alle spalle con tagli precisi e intelligenti. Impegna Vicario con una forte conclusione sul primo palo, dopo il bell’inserimento premiato da Sanchez e mette la ciliegina sulla torta con il gol che dà all’Inter l’undicesima vittoria consecutiva.

(Dal 39’ s.t. D’Ambrosio: s.v.)

Sensi 6,5: Tra i più in palla. Si accende ancora a intermittenza ma quando lo fa, partorisce sempre buone idee.

(Dal 36’ s.t. Vecino: s.v.)

Brozovic 6: Geometrie e recuperi, oltre ai soliti, tanti, km percorsi.

Eriksen 6,5: Due conclusioni pericolose e sinapsi che viaggiano velocissime quando c’è da vedere spazi e premiare compagni con assist di qualità superiore.

(Dal 36’ s.t. Gagliardini: s.v.)

Young 5,5: Conte lo riconferma dopo le ultime due buone prestazioni, ma alla terza da titolare è meno “sprintoso”.

(Dal 25’ s.t. Hakimi 6,5: Entra e vola ad offrire l’assist decisivo a Darmian. Riscatta qualche prestazione incolore. Finalmente.

Lukaku 6: La sua prima, vera, conclusione verso la porta avversaria arriva al 10’ del secondo tempo, quando di testa spizza un cross di Brozovic, ma il pallone sfila a lato. Cinque minuti dopo ci riprova col destro dalla distanza, ma senza troppe pretese. Entra nell’azione-gol di Darmian, protegge palla e serve con precisione Hakimi che è un treno in corsa.

Sanchez 5: Impreciso, frettoloso. Poco concreto.

(Dal 25’ s.t. Lautaro 6: Entra subito con la giusta mentalità e con voglia di soffrire).

Conte 6,5: Con i cambi sistema una partita bloccata e porta a casa l’undicesima vittoria di fila.

CAGLIARI

Vicario 7: In bello stile sulla conclusione dalla distanza di Eriksen. Si ripete sul tiro forte di Darmian, diretto sul primo palo. Più semplice l’intervento su Sensi, ma sempre efficace.

Rugani 6: Interventi precisi sulle palle alte, Sanchez non scappa mai via.

(Dal 40’ s.t. Simeone: s.v.)

Godin 6: Comanda la difesa con leadership e buoni tempi. Vince anche molti duelli contro Lukaku.

Carboni 6: Lascia qualche buco alle sue spalle, in cui si infila spesso anche Darmian.

Nandez 6: Largo a sinistra, più in contenimento che in proiezione offensiva. Ma quando Hakimi scappa è in ritardo anche lui, che in partita era sempre stato attento.

Marin 6: Pulito, ma scolastico. Poco incisivo.

Nainggolan 6,5: Con poca mobilità, ma con esperienza. Spesso al posto giusto, prova qualche conclusione ma non gli va bene. Lì in mezzo si fa sentire.

Duncan 5,5: Fa legna e prova di tanto in tanto ad inserirsi, ma non trova spazi.

(Dal 22’ s.t. Asamoah 5,5: Semplici lo utilizza da mezzala, ma è sfortunato perché poco dopo il suo ingresso il Cagliari subisce gol.

Zappa 5,5: Eccessivamente timido, non trova mai affondi pericolosi e perde il taglio di Darmian che raccoglie l’assist di Hakimi e trova l’1-0.

(Dal 45’ s.t. Cerri: s.v.)

Pavoletti 5: Solo qualche incornata nei minuti finali. Trova vita difficile tra Bastoni e de Vrij.

(Dal 45’ s.t. Pereiro: s.v.)

Joao Pedro 5: Sbatte contro Skriniar. Nei minuti finali spreca una buona occasione.

Semplici 6: Il Cagliari gioca con ordine e chiude gli spazi all’Inter, ma alla fine torna a casa con zero punti.