Inter, da Dybala e Lukaku a Skriniar: la settimana della verità e l'avvertimento di Marotta

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

La settimana della verità per i colori nerazzurri, sette giorni decisivi per la stagione 2022/2023 dell'Inter di Simone Inzaghi, prossimo al rinnovo di contratto fino al 2024. D'altronde, l'amministratore delegato Giuseppe Marotta è stato chiaro: "Stiamo lavorando al fine di allestire una squadra competitiva come merita l'Inter. Il lavoro mio, di Ausilio e di Baccin verte a chiudere tutto entro il mese di giugno, perché vogliamo mettere a disposizione di Inzaghi la miglior squadra possibile, sempre nel rispetto di quel concetto di sostenibilità che dobbiamo sempre tenere in mente". E allora via alle grandi manovre, senza aspettare l'estate inoltrata.

L'ARRIVO DI MKHITARYAN E IL METODO 'SHELBY' - Gli scenari a breve termine sono ricchi di spunti, in entrata e in uscita: dopo essersi assicurata a zero l'arrivo dell'armeno ex Roma Henrikh Mkhitaryan, che andrà a sostituire i partenti Arturo Vidal e Matias Vecino, ora la dirigenza nerazzurra deve procedere come Tommy Shelby, protagonista della notoria serie "Peaky Blinders", punto per punto.

LA STRETTA PER DYBALA - Inutile negare che la priorità è chiudere una volta per tutte l'affaire Dybala: i primi giorni della settimana saranno dedicati alla stretta finale, con il secondo probabile incontro con Jorge Antun, agente dell'argentino, che riceverà e poi dovrà rispondere all'offerta migliorativa di un contratto triennale con opzione per il quarto anno a 6,5 milioni bonus compresi. Marotta vuole chiudere la questione, per poter presentare ufficialmente la Joya al rientro dalle vacanze tra Miami e Bahamas.

LA QUESTIONE LUKAKU E IL 30 GIUGNO - Non sarà questione breve invece l'ipotetico ritorno a Milano di Romelu Lukaku: non si potrà andare oltre il 30 giugno però, dato che a fine mese scadono i benefici del Decreto Crescita. L'avvocato Ledure lavorerà ai fianchi del Chelsea per rendere possibile il prestito oneroso senza una cifra enorme di ipotetico riscatto.

DA SKRINIAR A LAUTARO, IL CAPITOLO USCITE - Grande attenzione poi al capitolo uscite. La "sostenibilità" marottiana prevede almeno una cessione illustre, come più volte illustrato anche dal presidente Steven Zhang: Alessandro Bastoni piace a Tottenham e United ma il suo procuratore al momento lo ha tolto dal mercato, Lautaro Martinez potrebbe uscire solo in caso di arrivo sia di Dybala che di Lukaku, mentre il nome più caldo rimane quello di Milan Skriniar, cercato e ambito dal PSG e in scadenza di contratto nel 2023. Senza dimenticare Denzel Dumfries, cercato da Bayern e Chelsea. Lavori in corso, per una settimana che si preannuncia torrida non solo a causa delle temperature.

@AleDigio89

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli