Inter, dalla Cina: continua la trattativa fra Suning e il fondo Pif. Un miliardo di valutazione, ma con lo stadio

·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

L'acquisizione del Newcastle da parte del fondo statale dell'Arabia Saudita e gestito da Mohammad bin Salman Al Sa'ud, figlio del re Salman, ha segnato uno spartiacque per l'ingresso del fondo nel mondo del calcio. Quella del club di Premier League, nei progetti del Public Investment Fund (PIF) è però soltanto la prima acquisizione che potrebbe presto affiancarsi a quella dell'Inter (LEGGI QUI) per cui c'è una trattativa in atto con il gruppo Suning e la famiglia Zhang.

Secondo quanto pubblicato sul social network cinese Weibo dal portale LD Sports (che in Europa è stato vicino al Southampton) la trattativa non solo non si è bloccata dopo l'acquisizione del Newcastle, ma sta andando avanti. L'obiettivo è acquisire l'Inter, ma con la proprietà dell'asset del nuovo stadio e, quindi con le autorizzazioni finali già avviate. Ci sono inevitabilmente alcune distanze proprio su questo tema, ma secondo il portale cinese la sensazione è che le divergenze saranno limate e l'operazione raggiungerà circa 1 miliardo di euro di valutazione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli