Inter, Darmian: 'Vi svelo la svolta scudetto. Conte meglio di Mourinho, quel discorso dopo la vittoria sul Milan...'

·2 minuto per la lettura

Uomo decisivo in tante delle ultime gare al punto da essere considerato quasi l'uomo scudetto, Matteo Darmian si è concesso in intervista alla Gazzetta dello Sport con cui ha raccontato questa stagione magica per lui e per l'Inter.

FIDUCIA E GOL DECISIVI - "E pensare che in squadra c’è gente molto più abituata di me a segnare... Ma se arrivano i gol, tanto meglio. Ma ancor più importante è essermi guadagnato la fiducia di allenatore e compagni".

LA SVOLTA - "Quando c'è stata la svolta? Sassuolo, girone d’andata. Tutto quel che c’è stato prima e dopo. Era una partita delicata per noi, in campionato stavamo lasciando troppi punti per strada. Vincere quella domenica era decisivo per il morale. Se ragiono complessivamente, l’uscita dalla Champions, per quanto negativa, invece di abbatterci ci ha caricato".

SCELTA GIUSTA - "La prova che ho fatto bene a rientrare in Italia. Nell’ultimo anno a Manchester vedevo poco il campo. I momenti in cui non sei protagonista aiutano a crescere. Ma con il calcio ragiono come da bambino: ho sempre voglia di mettermi in gioco".

IL DISCORSO DI CONTE DOPO IL MILAN - "Chiaro e fermo: 'Ora loro sono dietro, psicologicamente abbiamo un vantaggio. Dipende tutto da voi, non facciamo l’errore di guardare gli altri'. E noi l’abbiamo fatto".

VOCI SOCIETA' - "Siamo professionisti, abbiamo fatto quel che era giusto fare: concentrarci sul nostro lavoro. E così ci siamo compattati ancor di più".

MOURINHO, CONTE, VAN GAAL, - "Mourinho non ha altri amori al di fuori della vittoria. Gli devo dei trofei, pure un’Europa League. Cos’ha Conte in più rispetto a lui e Van Gaal? Ha grandi idee, tatticamente è una marcia avanti".

SCUDETTO - ""La gioia, la chiusura di un cerchio. Ai ragazzi che vogliono diventare calciatori dico: non abbandonate mai il vostro sogno, non perdete mai il sorriso neppure di fronte alle rinunce, che pure sono necessarie".