Inter, Hakimi è l'erede di Maicon: solo Gosens meglio di lui, occhio al Bayern

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

La terza punta dell'Inter. Dopo Romelu Lukaku e Lautaro Martinez, c'è Achraf Hakimi. L'esterno marocchino, prelevato in estate dal Borussia Dortmund per 40 milioni di euro, ha letteralmente spaccato la Serie A nel suo primo anno di militanza in nerazzurro: dopo un inizio non facile e un adattamento propedeutico all'idea di calcio di Antonio Conte, il laterale classe 1998 è stato il secondo miglior interprete di un campionato che ha riscoperto l'importanza degli esterni difensivi dominanti, atleticamente e tecnicamente,​

SOLO GOSENS MEGLIO DI LUI: I NUMERI - Theo Hernandez, Robin Gosens, Juan Cuadrado, Leonardo Spinazzola, Rick Karsdorp e Giovanni Di Lorenzo: tra questi, proprio il terzino dell’Atalanta è stato l’unico ad averlo superato nel numero di gol a cui ha partecipato, ben 17, tra gol (11) e assist (6), contro i 15 dell’esterno marocchino dell’Inter (7 gol e 8 assist). Numeri da attaccante, ancora più impressionanti se rapportati alla prima stagione in un campionato inedito: Hakimi, dopo aver fatto la differenza in Bundesliga, ha conquistato anche l'Italia. E a incoronarlo sono arrivate le parole di un ex illustre per i colori nerazzurri, qualcuno che non si può dimenticare.

L'EREDE DI MAICON - "Hakimi ha fatto un grandissimo campionato, è un giocatore che era già passato in tantissime squadre e non aveva dimostrato quello che ha fatto vedere qui all’Inter. Non credo si possa fare un paragone con me, abbiamo caratteristiche diverse e ognuno ha le sue qualità, però è sicuramente un giocatore forte.": parole e musica di Maicon Douglas, uno dei terzini più forti della storia dell'Inter. Incoronazione postuma ad erede del Colosso brasiliano.

OCCHIO AL BAYERN MONACO - Prestazioni da incorniciare, che hanno attirato le attenzioni dei grandi club esteri, soprattutto di chi lo aveva già ammirato in Bundesliga, ovvero il Bayern Monaco: Hakimi è considerato un profilo perfetto per la squadra di Nagelsmann. Anche se il presidente del club tedesco ha per ora smentito, l'agente del marocchino, Alejandro Camano, ha confermato l'interessamento: chiaramente l'Inter non ha assolutamente intenzione di cederlo ma, vista la delicata congiuntura economica, un'offerta importante potrebbe anche far vacillare i nerazzurri. Scenari di cui si conoscerà meglio l'evolversi una volta chiarito il progetto tecnico, nei prossimi giorni.

@AleDigio89

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli