Inter: Handanovic torna titolare. Dubbio Dimarco-Gosens per Inzaghi. Il baby Carboni scalpita

Serve una conferma, la prova ulteriore che metta il sigillo di garanzia sulla bella vittoria contro il Barcellona, certificandola come reale step di crescita e non come pazza e isolata impennata di una squadra che per natura è sempre stata un po’ imprevedibile. Ecco perché la sfida di Reggio Emilia contro il Sassuolo assume per l’Inter i connotati di un esame di maturità, la partita da non sbagliare, anche perché i passi falsi in campionato sono già andati oltre il consentito per chi, come i nerazzurri, intende conservare ambizioni scudetto. PORTIERE E DIFESA - Inzaghi ripartirà da Samir Handanovic, insistendo sulla tanto discussa alternanza tra i pali. A protezione del portiere sloveno, i tre moschettieri in difesa dovrebbero essere Skriniar, Acerbi (in vantaggio su de Vrij) e Bastoni, finalmente in crescita dal punto di vista atletico. CORSIE LATERALI - Sulla destra non dovrebbe esserci alcun dubbio, Denzel Dumfries si candida come favorito assoluto nel ruolo di titolare. A sinistra, invece, qualche incertezza c’è ed è dovuta alle scorie e alle fatiche che i ragazzi di Inzaghi si portano dietro dalla partita contro il Barcellona. Martedì sera, infatti, Dimarco è risultato tra i migliori in campo ma la sfida con Dembélé lo ha provato dal punto di vista fisico, facendo accendere la spia della riserva. Ecco perché le quotazioni di Gosens sembravano in netta risalita in vista della sfida di domani, ma nell’allenamento svolto ieri mattina, Inzaghi ha consegnato la pettorina a Dimarco. L’ex Verona è il più in forma della rosa e prima di privarsene bisogna pensarci almeno un paio di volte. CENTROCAMPO - In cabina di regia, Asllani dovrebbe tornare a sostituire Brozovic, com’era già accaduto contro la Roma. Alla sua destra ci sarà Nicolò Barella, mentre nel ruolo di mezzala sinistra il favorito sembra Hakan Calhanoglu, uomo provvidenza in Champions. EMERGENZA IN ATTACCO - Lì davanti ci sono zero dubbi, con Correa e Lukaku non convocati, Inzaghi si affiderà alla coppia Dzeko-Lautaro. Ma attenzione a Valentin Carboni, questa mattina Inzaghi lo ha catechizzato con molta dedizione, probabilmente perché intende regalargli almeno uno spezzone di gara contro il Sassuolo.

La probabile formazione: Handanovic; Skriniar, Acerbi, Bastoni; Dumfries, Barella, Asllani, Calhanoglu, Gosens/Dimarco; Lautaro, Dzeko.