Inter, Inzaghi: 'Partita comandata e occasioni sprecate, avremmo meritato i tre punti. C'è tempo per recuperare'

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Intervistato da Dazn al termine della partita contro il Milan, il tecnico dell'Inter, Simone Inzaghi, ha analizzato il match.

Come vede il bicchiere? “Lo vedo mezzo vuoto perché abbiamo creato tante occasioni e sbagliato un rigore. Meritavamo di più, ma abbiamo affrontato una grande squadra che è in testa con merito. Noi siamo in ritardo ma c’è tempo”.

Non avete ancora vinto uno scontro diretto. “Adesso dobbiamo recuperare forze ed energie, abbiamo concluso questo ciclo con qualche calciatore acciaccato, ma avremmo meritato di vincere sia contro la Juventus che contro il Milan. Siamo lì, mancano 27 partite alla fine e c’è margine. Avremmo voluto regalare la vittoria ai nostri tifosi, ci dispiace”.

Quanto può pesare questo rigore sbagliato? “I nostri rigoristi sono Lautaro e Calhanoglu, poi è bravo anche Perisic. Sul primo rigore Lautaro ha voluto lasciarglielo. Se guardiamo la classifica considerando in gol i rigori sbagliati, adesso saremmo più in alto”

Avete cercato di abbassare il ritmo della partita pensando che ciò potesse portarvi vantaggi? “Non abbiamo approcciato bene nei primi 20’ poi abbiamo iniziato a tenere palla. Loro sono tecnici e devi cercare di stancarli e farli correre. Per lunghi tratti della partita abbiamo comandato la partita, a parte l’inizio e i minuti finali”.

Come sta Barella? “Ha avuto un affaticamento, ha sentito qualcosina e chiesto il cambio. Adesso valuteremo. Avevo qualche problema anche con Dzeko e Bastoni. Giocare con questi ritmi e così tanto, può succedere. Speriamo siano cose di poco conto”.

Un appello ai nazionali? “È sempre una soddisfazione andare a giocare per la propria nazione. È chiaro che dovremo fare delle valutazioni con i calciatori usciti affaticati”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli