Inter, la Roma era l’ultimo scoglio: ora si fa in discesa, ma la Salernitana può complicare le cose

·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Non solo la seconda stella: l’Inter può avere un ruolo fondamentale anche nella lotta per non retrocedere. E nel peggiore dei casi, vedersi ostacolata da essa. Spieghiamo subito cosa vogliamo intendere con il titolo, dato che la Salernitana con i nerazzurri ha già giocato rimediando un complessivo 0-10: gli uomini di Nicola hanno vinto tre partite di fila, e adesso, con la gara col Venezia ancora da recuperare, si trovano a 25 punti, meno tre dal Cagliari che gioca stasera a Genova (gara da seguire con attenzione) ma soprattutto meno cinque dalla Sampdoria, alla quale sono stati rosicchiati altri due punti in virtù del pari di ieri a Verona. Ora, se i campani vincessero mercoledì e andassero a -2 da Caputo e compagni, è chiaro che la corsa-salvezza coinvolgerebbe ufficialmente granata, rossoblu e blucerchiati. E gli ultimi due sono gli avversari dell’Inter nel penultimo e nell’ultimo turno di campionato. IN DISCESA MA… – Dopo la vittoria con la Roma nell'ultimo big match stagionale, le ultime cinque giornate presentano a Simone Inzaghi un programma che due settimane fa poteva sembrare estremamente agevole: recupero col Bologna già salvo, Udinese già salva, Empoli già salvo… Cagliari e Sampdoria. Ecco, se la Salernitana non avesse cominciato a tenere un ritmo forsennato, Mazzarri e Giampaolo sarebbero in serena attesa della matematica certezza della permanenza in A, viste le condizioni di Venezia (crisi profonda e paura lamentata da Zanetti) e Genoa (difficoltà atroce nel semplice andare in gol). Lo scatto del Cavalluccio potrebbe prolungare la corsa per non retrocedere fino a maggio inoltrato, quando l’Inter andrà prima a Cagliari, poi riceverà la Samp. Due partite alla portata, ma i tifosi della Beneamata si ricorderanno benissimo il finale della stagione 2018-19, con Inter-Empoli decisiva per il ritorno in Champions: gli azzurri avevano bisogno di punti per salvarsi e per poco non ne portarono a casa uno, nonostante tutto. Servirono un gol nel finale di Nainggolan e una discreta dose di fortuna in occasione della traversa che poteva valere il 2-2. Dunque Inzaghi, paradossalmente, dovrà tifare contro la bella favola della Salernitana.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli