Inter, la strategia per contenere i costi del mercato: non solo Onana, sì ad altri colpi a parametro zero

·1 minuto per la lettura

Come si può ovviare ad un bilancio in grande difficoltà e provare comunque a mantenere competitiva la rosa? La risposta è semplice ed è a due vie: la prima è quella di ridurre il monte ingaggi, la seconda è quella di abbattere il costo degli ammortamenti e gli esborsi per i cartellini. In casa Inter l'ad Beppe Marotta insieme al ds Piero Ausilio stanno provando a percorrere principalmente la seconda delle due strade con la possibilità concreta di rivolgersi al sempre più ricco mercato dei giocatori che si svincoleranno a parametro zero dopo l'ultimo colpo Calhanoglu dal Milan.

ONANA IN POLE - Il primo colpo potrebbe in realtà già essere prossimo al concretizzarsi perché i contatti con il portiere dell'Ajax Onana e le parole del ds dei Lancieri Overmars certificano come l'addio del camerunese sia sempre più probabile. L'Inter c'è, ha l'ok del giocatore e si dovrà solo concretizzare l'affondo con un'offerta ufficiale da far firmare entro febbraio 2022.

BELOTTI, INSIGNE E NON SOLO - Onana potrebbe però non essere l'unico perché gli occhi degli uomini mercato nerazzurri si sono già piazzati da tempo anche su altri talenti, italiani e non. Va detto che Dybala e Kessie sono sogni irraggiungibili, ma non lo sono, invece, né Andrea Belotti e né Lorenzo Insigne trattati anche nel corso dell'ultimo mercato estivo. Kramaric (a, Hoffenheim) e Christensen (d, Chelsea) sono stati proposti in passato così come Tolisso e Witsel. L'altra faccia della medaglia? La possibilità di perdere Perisic e Brozovic, entrambi in scadenza 2022 e i cui rinnovi sono bloccati.

@TramacEma

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli