Inter, la trimestrale di bilancio: ricavi in calo del 24%. Antonello rassicura sulle plusvalenze: nessuna indagine

·1 minuto per la lettura

Oggi l'Inter ha incontrato in conference call investitori e azionisti per presentare la trimestrale di bilancio che per Inter Media & Communications (la seconda società dei nerazzurri dove confluiscono i ricavi) non è per niente positiva. Dai primi dati, quello che emerge è un calo di oltre il 24% sui ricavi adjusted legati ai diritti tv.

SPONSOR E DIRITTI TV - Come riportato da Calcio e Finanza, i ricavi “adjusted” sono diminuiti di 23,2 milioni di euro (-24,6%) assestandosi a 71,0 milioni di euro per i tre mesi chiusi al 30 settembre 2021. In diminuzione rispetto ai 94,1 milioni di euro per i tre mesi chiusi al 30 settembre 2020. I ricavi da sponsorizzazione sono passati da 31,6 a 13,3 milioni di euro, in particolare per la diminuzione dei proventi dalle sponsorizzazioni regionali passate da 8,9 milioni a 1,8 milioni.

CASO PLUSVALENZE - Durante la conference call con gli investitori, l'amministratore delegato dell’Inter Alessandro Antonello e il nuovo direttore finanziario Andrea Ancinelli hanno rassicurato i presenti anche sul caso plusvalenze che ha coinvolto la Juventus e che sta coinvolgendo l'intero sistema calcio italiano. L'Inter però non è fra le società coinvolte, con i due dirigenti che hanno confermato non esista nessuna indagine sull’Inter per la situazione plusvalenze.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli