Inter, l'ex Lucio: ''De Vrij mi somiglia, Lukaku forza della natura! Mourinho mi è entrato in testa''

Francesco Giagnorio
·3 minuto per la lettura

Nel corso di un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, l'ex difensore dell'Inter Lucio, uno degli eroi del Triplete, è tornato a parlare raccontando di sé stesso, degli anni nerazzurri, dell'Inter attuale e anche di Antonio Conte, attuale allenatore nerazzurro che Lucio trovò nei suoi sei mesi con la maglia della Juventus.

Riguardo la cavalcata stagionale dell'Inter, Lucio ha detto: "Forza fisica, transizione rapida dalla difesa all'attacco, solidità dietro e poi quella coppia eccezionale davanti... Spero solo che abbia anche i nostri stessi successi. Purtroppo, la vedo meno di quanto vorrei, ma quanto basta per notare quanto sia forte. E quanta fiducia abbia. L'Inter si merita di stare lì: se mantiene questa regolarità fino alla fine, è destinata a far terminare il dominio Juve".

Il brasiliano ha speso belle parole per la difesa nerazzurra: "Ai nostri tempi era così: non solo noi difensori, ma tutta la squadra riusciva ad aiutarci con una compattezza unica. Anche questo reparto dà molta tranquillità: sia Skriniar che Bastoni sono difensori moderni, ma De Vrij è quello che più mi somiglia. Mi rivedo in lui sia in marcatura, sia in certi movimenti con la palla". E ancora: "Da voi contro le piccole è durissima. Il campionato è così competitivo che c'è naturalmente una cultura tattica e difensiva. Attraverso le grandi difese costruisci gli attacchi e l'Inter ne è un esempio".

Sul bomber dell'Inter Lukaku ha risposto così: ''Ha una forza fisica incredibile, ma la usa non solo per sé, anche per gli altri. Segna ed è pure generoso: a me ricorda molto Drogba e un po' pure Ibra. Marcarlo è complicato perché schiaccia quasi tutti i difensori. Se la metti sul fisico, sei morto: l'unico modo è stare attento al corpo a corpo e tentare l'anticipo con scelta di tempo".

Lucio in contrasto con Schweinsteiger nella finale di Champions | Shaun Botterill/Getty Images
Lucio in contrasto con Schweinsteiger nella finale di Champions | Shaun Botterill/Getty Images

Su Antonio Conte e sui ricordi della loro esperienza insieme invece: "Pochi, perché ho passato solo sei mesi con lui alla Juve, ma era un allenatore esigente a cui piaceva lavorare molto. E poi sapeva concentrarsi benissimo sulla parte fisica: questo aspetto è decisivo per creare squadre così competitive come le sue. E quanti video ci faceva vedere sia prima che dopo i match! Mi sembra l'uomo giusto per riportare l'Inter alla vittoria e per costruire una solida carriera a Milano. È un po' strano vederlo lì visto il suo passato, ma nel calcio contano i risultati. E lui li sta ottenendo".

Lucio è intervenuto anche sull'attuale crisi economica nel calcio: "Non è solo l'Inter, il Covid ha ridimensionato tutto il calcio mondiale. Non conosco da vicino le difficoltà di questa proprietà, ma ai nostri tempi eravamo felici anche per il clima societario: Moratti non era un presidente, era il primo dei tifosi. E fa tutta la differenza del mondo quando amministri qualcosa che ami. È sempre bene che i problemi societari restino fuori dalla spogliatoio, ma io ora vedo solo giocatori concentrati sul campo".

Sul suo miglior momento con la maglia nerazzurra, risponde così: "L'inizio, i primi giorni, perché il successo è nato là. C'era un'atmosfera speciale e devo ringraziare Julio Cesar, Thiago Motta, Maicon che mi avevano subito accolto. Ma anche gli argentini come Cambiasso, Zanetti o Samuel. Siamo legati per la vita perché è un trionfo incancellabile: non ci stancheremo mai di parlarne. Ma un pensiero va sempre a Mourinho: mi ha dato una fiducia unica, è davvero entrato nella mia testa".

Infine, ci racconta del Lucio di oggi: "Quando ho smesso di giocare mi sono dedicato solo alla famiglia. Ora, però, voglio continuare col calcio: quello che ho vissuto, nei club e nella Seleçao, è un patrimonio da portare da qualche altra parte. In ogni caso, mi sento un uomo realizzato: ho raccolto gioie e successi che mai avrei immaginato".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo dell'Inter e della Serie A.