Inter, Marotta: 'Hakimi è ossigeno per le casse. Puntiamo su Lautaro, finché non chiede di partire. Eriksen e Inzaghi...'

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter, ha rilasciato un'intervista ai microfoni della Rai per il programma "Dribbling Europei'": "Chiaro che faccio il tifo per gli azzurri; è evidente che è bello avere un avversario dove gioca un ragazzo di grande rispetto a livello calcistico e umano come Lukaku, ma in questo caso vale il detto: 'Speriamo vinca l'Italia'. La sfida con Giorgio Chiellini? Sarà un altro bel match all'interno di un big match, perché sono curioso di vedere questo duello".

SU HAKIMI - "Hakimi sarà ufficializzata come una cessione importante e rilevante, ma questo è ossigeno importante per le casse della società".

SU LAUTARO - "Lui è uno dei giocatori su cui puntiamo, finché i giocatori non chiedono la cessione sono ottimista che possa nuovamente essere al centro dell’attacco nella prossima stagione. Eriksen? Oggi c’è un grande rispetto per l’uomo, prima che del calciatore. La speranza è che ritrovi la salute e la piena efficienza, dopo di che valuteremo gli aspetti sportivi che in questo momento sono sicuramente in secondo piano".

SU SIMONE INZAGHI - "Si tratta di uno degli allenatori più vincenti degli ultimi anni in Italia. Assomiglia molto ad Antonio Conte, per cui abbiamo ritenuto che sia l'erede naturale di un tecnico vincente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli