Inter, Marotta: 'Inzaghi un vincente. Hakimi addio doloroso. Impensabile chiedere altri soldi a Suning. -100 milioni di introiti stadio, riapriamoli!'

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·3 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

La stagione 2021/22 dell'Inter inizia ufficialmente oggi con la presentazione alla stampa del nuovo allenatore Simone Inzaghi direttamente dalla sala stampa del Meazza a San Siro. Accanto all'allenatore ha preso parola anche l'ad Beppe Marotta ecco le sue dichiarazioni.

INZAGHI - "Bentornati a San Siro in un luogo che finalmente ritroviamo. Riparte oggi la nuova stagione che sarà comunque difficile. Abbiamo il piacere oggi di presentare il nostro nuovo allenatore Simone Inzaghi ed è motivo di grande orgoglio perché significa che il progetto dell'Inter continua in buone mani, nelle mani di un giovane allenatore che di esperienza ne ha già tanta ed è uno dei più vincenti. È il profilo adatto anche perché impersonifica i valori autentici di questo club: passione, competenza, cultura del lavoro e il rispetto della storia di questo club che è fatto di vittorie e successi"

SOSTENIBILITA' - "Siamo in un momento difficile, di post-pandemia, caratterizzato da sofferenze, magari della perdita di persona care, e in contemporanea per gli effetti dei problemi dell'economia globale che ha creato grandi problemi. Di riflesso il mondo del calcio sta cercando un modello di sostenibilità e continuità".

COMPETITIVITA', MA CON OCCHIO AL BILANCIO - "Siamo ormai lontani da quei momenti, dal modello di mecenatismo caro anche a questa città che vedeva i proprietari delle società anteporre il risultato al rispetto del bilancio. Oggi tutto questo è impossibile, il modello deve essere di sostenibilità e continuità. Vogliamo continuare, questi sono gli intenti della società, a ricercare i risultati sportivi, ma rispettando gli equilibri patrimoniali e finanziari del club. Il compito del management, mio, di Ausilio, di Baccin e di Antonello è quello di allestire la squadra quanto più competitiva possibile tenendo conto di tutto questo".

700 MILIONI - "Siamo davanti a uno scenario inquietante e riserverà ancora spiacevoli situazioni. Il mondo del calcio è in difficoltà e serviranno diversi miliardi di euro che dovranno essere messi a disposizione o con aumenti equity o tramite terze entità. La nostra proprietà da quando è proprietaria dell'Inter ha profuso circa 700 milioni di euro per far si che si possa dare solidità e continuità. Oggi la situazione è cambiata con l'economia globale che è in contrazione. È inspiegabile che si possa chiedere alla proprietà nuovi innesti finanziari. Non sempre l'equazione di chi più spende più vince funziona".

HAKIMI - "Hakimi era un asset importante, ma sono state fatte scelte dolorose e la sua cessione è stata proprio per far si che si riesca a dare continuità".

PUBBLICO - "Un aspetto importante è che possa tornare il nostro pubblico. Giocare senza pubblico è triste. Un antropologo e un sociologo, Moris, scrisse che il gioco del calcio senza pubblico è pari a zero. Per noi è peggio, perché in alcuni momenti c'è stata tristezza e malinconia. Io chiedo al nostro governo di riaprire gli stadi italiani, seguendo gli esempi e i modelli della Premier e della Liga, perché il calcio è un fenomeno sociale, ma credo che i tifosi rappresentino anche un patrimonio per tutte le società".

PERSI 100 MILIONI - "Il dialogo è la cosa migliore per ottenere dei successi. La lega e anche le società si stanno adoperando per avere un rapporto continuativo con i rappresentanti del governo. Io sono dell'idea che il momento di riaprire gli stadi ci sia e che sarebbe anche una campagna, uno spot importante per la campagna vaccinale, per poter far vedere che chi si vaccina può avere il canale preferenziale per l'accesso agli impianti. Le notizie recenti che abbiamo è che si andrà verso una riapertura, non sappiamo se parziale o totale. I nostri governanti vorrebbero procedere per gradi, ma come Inter noi fra stagione 2019/20 e 20/21 abbiamo perso 100 milioni soltanto da introiti da botteghino. Se verranno ancora a mancare queste voci ci saranno altri problemi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli