Inter, Milan e il derby del Sud: tutti vogliono Dybala, ma non alle sue condizioni

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Tutti lo vogliono, per ora nessuno lo prende. Paulo Dybala è svincolato da tre giorni ma in cerca di una squadra ormai da quasi quattro mesi, cioè da quando, a marzo inoltrato, è arrivata la comunicazione della fumata nera sul rinnovo con la Juventus. Dando per impossibile un ritorno in bianconero a cifre minori con un accordo ex novo, tutte e quattro le altre squadre della top five italiana sono state accostate e si sono mosse per lui, ma si sono scontrate o si stanno scontrando con diverse problematiche.

INTER - La prima a muoversi è stata l'Inter, che ha subito prospettato alla Joya un ambiente ideale: l'amico Correa, Zanetti come sponsor, Marotta come garanzia. Solo che nel frattempo il ritorno di Lukaku si è materializzato, e la priorità di Inzaghi è andata verso l'attaccante belga. Ora per accogliere Dybala devono uscire sia Sanchez sia Dzeko, operazioni tutt'altro che semplici entro la fine delle quali il tempo potrebbe essere già scaduto.

MILAN - L'idea del Milan è proprio quella di inserirsi in questo stallo e soffiare il giocatore ai cugini, anche sfruttando un modulo, quello di Pioli, più adatto alle caratteristiche dell'argentino. L'ingaggio richiesto dal procuratore Antun è però troppo alto per una chiusura rapida dell'affare: Maldini, fresco di rinnovo, non devierà facilmente dalla linea imposta, rivelatasi vincente. Dybala aspetterà ancora qualche giorno l'Inter in virtù del vantaggio dei nerazzurri che ci lavorano da tempo, poi si aprirà uno spiraglio.

ROMA - Per Dybala ai giallorossi si era mosso Totti in prima persona, riuscendo, a sentire il Pupone, a convincere il fantasista ad accettare la Capitale. Poi, però, la trattativa, presa in considerazione da Pinto, si è arenata, per ragioni che Totti indica come esterne alla volontà del giocatore. Non sarà quindi Dybala il grande regalo dei Friedkin a Mourinho.

NAPOLI - Se la Roma ci ha provato con Totti, il Napoli risponde con Maradona. Il figlio, dato che purtroppo il giocatore più forte di tutti i tempi se n'è andato nel novembre del 2020. La suggestione Napoli è l'ultima in ordine di tempo per Dybala, che non sembra avere fretta - non ne ha ragione, visto che è svincolato - ma che, iniziando il ritiro con la nuova squadra, si assicurerebbe un avvio di stagione al massimo delle sue possibilità in una seconda parte di annata che porta al Mondiale. Ma il tempo corre veloce, le squadre si radunano in questi giorni e Paulo dovrà tenersi in forma in attesa che finalmente la situazione si sblocchi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli