Inter, non bastano gli elogi di Eto'o e una prova da... 10: Onana portiere di coppa, la A resta ad Handanovic

No, 10 non è il voto, per quanto la prima partita ufficiale con la maglia dell'Inter di André Onana non sia stata affatto male: 10 sono le parate effettuate dal portiere nerazzurro contro il Bayern Monaco, che è riuscito a batterlo un paio di volte ma che spesso si è dovuto fermare sul suo muro. Non è mancato un momento di incertezza, ma in quel frangente la fortuna e il palo lo hanno salvato. Non sarebbe certo stato semplice, in un momento tanto delicato per Handanovic, gestire un brutto errore anche da parte del rampante ex Ajax.

RECORD - 10 parate, dunque, più di chiunque altro in Champions League da una ventina di anni a questa parte. Molto si deve alla superiorità espressa dai tedeschi sul prato di San Siro, ma il segnale è incoraggiante e corrobora le parole di Samuel Eto'o, uno che all'Inter gode di una discreta considerazione: "Onana è tra i migliori al mondo", ha ripetuto anche alla Partita del Cuore". Eppure Inzaghi sembra avere chiarissime quelle che sono le gerarchie in base agli impegni.

UNA COMPETIZIONE PER UNO - Forse è presto per tracciare questa linea, ma la conferma potrebbe arrivare entro pochi giorni: lo stesso tecnico nerazzurro ha annunciato il ritorno di capitan Handanovic tra i pali contro il Torino, e se martedì a Plzen contro il Viktoria vedremo ancora Onana, allora la suddivisione dei gettoni sarà palese. E l'alternanza un po' più facile da leggere, cosa di cui saranno contentissimi i fantallenatori e i giornalisti chiamati a stilare le probabili formazioni. Quanto ai tifosi che invocano a gran voce il passaggio di consegne definitivo, quello dovrà aspettare ancora.