Inter: è giallo sui pagamenti del nuovo main-sponsor

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Quella di oggi sarà una giornata ricca di eventi per i tifosi dell'Inter che questa sera a Lugano potranno vivere la prima uscita ufficiale stagionale della squadra allenata da Simone Inzaghi in un test amichevole che, salvo sorprese, riproporrà il tandem Lukaku-Lautaro in attacco. La gara sarà anche quella d'esordio per la nuova prima maglia del club che sarà presentata oggi nello store di Milano e su cui, però, ci sono stati grossi dubbi legati al nuovo main sponsor.

OGGI LA NUOVA PRIMA MAGLIA - Tornano le classiche strisce nerazzurre, come ampiamente anticipato nei rendering dei progetti e sopra allo sbaffo della nike ci sarà la coccardina della Coppa Italia vinta quest'anno. Barella è stato il testimonial ufficiale scelto dalla società per la campagna di lancio, ma l'evento di oggi vedrà anche altri volti noti, non solo del campo ma anche dello spettacolo, dar vita allo show.

E LO SPONSOR? - Secondo quanto riportato da Tuttosport, sono stati tanti però i dubbi del club sul nuovo accordo commerciale sottoscritto la scorsa stagione con DigitalBits che da quest'anno prenderà il posto di Socios.com (Inter fan token) sul petto dei nerazzurri. Un affare da 85 milioni in 3 anni e che doveva partire con i primi 5 milioni da versare entro il 30 giugno per la presenza, l'anno scorso, come sponsor di manica e che però non sono stati versati nelle casse del club. Il club è stato rassicurato che non ci sono problemi di liquidità e che tutto sarà pagato, per questo, salvo sorprese, DigitalBits comparirà sulle divise per questa stagione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli