Inter, concluso il summit con Inzaghi: Dybala, mercato e cessioni, i temi trattati con Marotta e Zhang

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Non c’è tempo per piangersi addosso, la corsa scudetto è stata lunga e logorante, ma è già tempo di ripartire. Sono i giorni dei rimpianti e dell’amarezza, in città festeggia il “nemico” e questo deve servire da sprone per la prossima stagione. Ecco perché Inzaghi e la dirigenza non vogliono perdere tempo e a due giorni dal termine del campionato è già pronto un vertice per programmare le mosse della prossima stagione. Un meeting che chiarirà al tecnico anche quelli che sono gli obiettivi di mercato e i primi passi mossi da Ausilio e Marotta.

16.46 NIENTE RINNOVO - Non si è parlato di rinnovo di contratto fra Inzaghi e la dirigenza, ecco nel punto del nostro Pasquale Guarro com'è andato l'incontro di oggi.

16.20 SUMMIT CONCLUSO - Si è concluso ora il summit di mercato di casa Inter. L'incontro fra Simone Inzaghi, Beppe Marotta, Piero Ausilio e il presidente Steven Zhang è durato circa 5 ore con l'allenatore che ha lasciato la sede nerazzurra senza rilasciare dichiarazioni.

14.00 PRESENTE ANCHE L'AVVOCATO CAPPELLINI - Non solo il presidente Zhang e gli uomini mercato. Anche l'avvocato Cappellini, l'uomo dei contratti, è presente in sede.

11.45 C'È ANCHE ZHANG - Non sarà solo con Beppe Marotta e Piero Ausilio l'incontro con Simone Inzaghi. In sede è anche presente il presidente Steven Zhang.

11.30 INIZIATO L'INCONTRO - Simone Inzaghi è arrivato presso la sede di Viale della Liberazione per dare il via al vertice di mercato con la società.

10.00 IL MERCATO SI ACCENDE - Sul banco c’è la questione relativa al rinnovo di Perisic, ieri la società ha formulato al croato la nuova offerta, l’ultima, e si è messa in attesa. La risposta dovrebbe arrivare per il fine settimana. E poi bisogna aggiornare anche il capitolo Dybala, il calciatore è a Milano e ieri ha visto Marotta, ci sono buoni margini per portare avanti la trattativa ma bisogna prima liberarsi di qualche ingaggio pesante. Poi l’affare Bremer e quello Asllani, senza dimenticare Mkhitaryan, perché in mezzo al campo arriverà di sicuro anche un parametro zero. Insomma, la carne al fuoco è tanta, ma al di là delle entrate, a Inzaghi interesserà capire quali come gli uomini mercato intenderanno accontentare la proprietà sul fronte incassi.

CESSIONE DI UN BIG - Nella conferenza stampa a margine della vittoria contro la Samp, Inzaghi aveva risposto ai giornalisti dicendo “Speriamo di tenere i migliori e aggiungere qualcosa”. Marotta gli annuncerà che non sarà possibile, Zhang impone 80 milioni di ricavi e nonostante qualche giovane interessante da sacrificare sull’altare del mercato, sembra inevitabile la cessione di almeno un big. A tal proposito diventano sempre più insistenti le voci che vorrebbero l’addio di Alessandro Bastoni e i bene informati sostengono che il difensore abbia palesato già questa concreta possibilità ai suoi compagni di squadra. Ma servirà un’offerta da 60 milioni di euro. Gli argomenti non mancano, che il meeting abbia inizio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli