Inter: per Casadei rispunta il Chelsea, altri 5 nerazzurri sul mercato

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Eppur si muove. L'Inter lavora sul mercato in uscita. Finora sono già andati via 7 calciatori della prima squadra: Perisic al Tottenham, Vidal al Flamengo, Ranocchia al Monza, Radu alla Cremonese, Caicedo, Kolarov e Vecino (sempre più vicino alla Lazio). Il problema è che il club nerazzurro non ha ricavato un euro da queste partenze, incassando un totale di 7,5 milioni dai riscatti di Di Gregorio (Monza) e Gravillon (Reims).

ALTRI 5 - L'Inter ha poi piazzato altri cinque giocatori rientrati dai prestiti: Sensi al Monza, Satriano all'Empoli, Esposito all'Anderlecht, Vanheusden all'AZ Alkmaar e Mulattieri al Frosinone. Tutti con la stessa formula del trasferimento a titolo temporaneo.

ANCORA 5 - Marotta e Ausilio sono al lavoro per definire altre cinque operazioni in uscita, quattro delle quali riguardano calciatori rientrati dai prestiti. Pirola è destinato alla Salernitana, Lazaro al Torino, Agoumé alla Cremonese e Pinamonti (conteso da Atalanta, Monza e Sassuolo). Dalbert (infortunato) resterà almeno fino a gennaio, mentre il Marsiglia è tornato sulle tracce di Alexis Sanchez.

IL GIOVANE TALENTO - Discorso a parte per Cesare Casadei. Il centrocampista classe 2003, campione d'Italia con la Primavera nerazzurra, sarebbe dovuto rientrare nell'affare per Bremer, poi finito alla Juventus. Il Torino resta interessato a lui, così come la Sampdoria. Senza dimenticare una pista che porta all'estero, in Inghilterra. Infatti, dopo averlo già chiesto ai tempi della trattativa per Lukaku, il Chelsea è tornato a farsi sotto per acquistare Casadei a titolo definitivo. Ora si attende una risposta dell'Inter, sempre alle prese anche con il caso Skriniar.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli