Inter, Pinamonti torna a San Siro: è una carta per Scamacca, ma Juve e Sassuolo...

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Andrea Pinamonti torna a San Siro. L'attaccante di proprietà dell'Inter è in prestito all'Empoli, dove finora ha segnato 7 gol in questa Serie A: due reti in più di Morata. Andreazzoli dovrebbe farlo partire dalla panchina nella partita di stasera in Coppa Italia, per poi rilanciarlo nella formazione titolare domenica in campionato nel turno casalingo contro la Roma di Mourinho.

Classe 1999, Pinamonti è sotto contratto con il club nerazzurro fino a giugno 2024 e guadagna la bellezza di 2 milioni di euro netti a stagione. L'idea dell'Inter è quella di cederlo a titolo definitivo per fare cassa nel prossimo mercato estivo, magari utilizzandolo come parziale pedina di scambio per arrivare al coetaneo Gianluca Scamacca del Sassuolo.

Il problema è che bisogna fare i conti con la concorrenza della Juventus. E pure con le idee del club neroverde, che per il dopo Scamacca sta puntando un altro attaccante italiano, più giovane e meno costoso: il classe 2004 Luca Moro, in prestito al Catania (dove ha segnato ben 17 gol in 18 presenze in Serie C) ma di proprietà del Padova.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli