Inter, questione stipendi: intesa squadra-società per lo slittamento. Niente penalizzazione

Stefano Bertocchi
·1 minuto per la lettura

"In attesa di capire quello che succederà nella trattativa per la cessione delle quote dell’Inter, Suning va avanti e rispetterà gli impegni presi per la stagione 2020-21". Come ribadisce oggi il Corriere dello Sport, è questo il punto cardine del messaggio arrivato ieri dalla Cina nel corso del consiglio di amministrazione straordinario in casa nerazzurra.

Steven Zhang | Lars Baron/Getty Images
Steven Zhang | Lars Baron/Getty Images

Secondo il quotidiano romano la squadra riceverà entro la scadenza fissata dai regolamenti federali (ovvero il 16 febbraio) gli stipendi di luglio e agosto che erano stati spostati al 2021, complice un accordo tra le parti arrivato nelle scorse settimane. Le mensilità di novembre e dicembre 2020 saranno invece oggetto di una nuova intesa con i calciatori: per il Corsport ci sarà l’ok per lo slittamento, anche perché la squadra non ha accolto la proposta di “taglio” fatta dai dirigenti ma si è detta disposta a concedere tempo alla proprietà.

L’ad Marotta sta quindi concordando un piano con la squadra per saldare le mensilità arretrate e future che consenta all'Inter di rispettare le norme federali (la scadenza per gli stipendi del 2020 è il 16 febbraio) e dunque non faccia incorrere la squadra di Antonio Conte in punti di penalizzazione.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo dell'Inter e della Serie A.