Inter-Roma, che intrecci in panchina: il rischio di non vedere Conte contro Mourinho

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

C'è un filo che lega le panchine di Inter e Roma, avversarie mercoledì sera al Meazza nella terz'ultima giornata di Serie A. Nerazzurri e giallorossi negli ultimi anni sono stati accomunati dalla presenza di due allenatori che, a loro modo e con modalità diverse, hanno fatto la storia di questi due club.

DA SPALLETTI - RANIERI - Stiamo parlando di Luciano Spalletti e Claudio Ranieri. Il primo è stato l'ultimo tecnico a vincere qualcosa con la Roma, Coppa Italia e Supercoppa, ed è anche l'allenatore con il quale si è conclusa la carriera di Francesco Totti, bandiera e icona romanista. All'Inter, invece, Spalletti ha guidato una fase di risalita della squadra e del club dopo gli anni più neri del post Triplete, e prima di consegnare i nerazzurri nelle mani di Antonio Conte. Ranieri invece ha portato la Roma a sfiorare un clamoroso scudetto in rimonta contro l'Inter di José Mourinho nel 2010, per poi sedersi sulla panchina nerazzurra nel 2011-12, la prima delle nove stagioni senza titoli dei nerazzurri dopo la Coppa Italia di Leonardo nel 2011.

VIDEO - Chi è Antonio Conte? 

A CONTE - MOURINHO - Oltre a Spalletti e Ranieri, e senza dimenticare Andrea Stramaccioni, allenatore dell'Inter dopo essere cresciuto come tecnico nel settore giovanile giallorosso, non c'è dubbio che, parlando di Inter-Roma e di allenatori, vengano subito in mente gli altri due tecnici che abbiamo citato di passaggio poco sopra, ovvero Conte e Mourinho. E qui si parla, oltre che di campo, soprattutto di mercato allenatori. Per quanto riguarda Conte, che ha riportato lo scudetto all'Inter undici anni dopo il precedente, è cosa nota il corteggiamento da parte della Roma, prima che il salentino scegliesse di dire sì all'Inter. Fu Totti in particolare, nel suo periodo trascorso all'interno della dirigenza del club capitolino, a tentare, senza successo, di portare Conte a Trigoria. E infine c'è lui, Mourinho, che torna in Italia atterrando sul pianeta Roma, un decennio dopo i fasti nerazzurri.

VIDEO - Mihajlovic: "Mourinho? Contento ma non fa i miracoli"

Conte vs Mourinho: dopo le scintille in Premier, è questa la sfida che tutti attendono. Bisogna pazientare qualche mese: prima c'è l'intermezzo Conte-Fonseca, e poi c'è una complicata gestione delmomento di crisi nerazzurro, dalla quale Conte spera di uscire con forza e certezze rinnovate rispetto al progetto avviato da due anni e impreziosito dal tricolore di quest'anno. Perché se così non fosse, anche il duello con Mou sarebbe a rischio, se non altro all'interno di un Inter-Roma.