Inter, Sainsbury si mette in gioco: "Pronto a convincere Pioli"

Arrivato in prestito dallo Jiangsu Suning, il difensore Sainsbury vuole dare il massimo da qui fino alla fine per convincere l'Inter a riscattarlo.

Stefano Pioli non gli ha ancora concesso l'opportunità di mettersi in mostra all'Inter, ma Trent Lucas Sainsbury è pronto a cogliere la palla al balzo quando gli si prospetterà l'occasione. Arrivato nella sessione di calciomercato invernale dallo Jiangsu Suning, il difensore australiano spiega il motivo che lo ha portato ad accettare l'offerta nerazzurra.

"In Cina non avrei potuto giocare per le nuove regole sugli stranieri - ha premesso il giocatore dal ritiro della sua Nazionale - Quindi o rimanevo a Nanchino ad allenarmi senza giocare oppure andare all'Inter, allenarmi e sperare di giocare. E chi direbbe mai di no all'Inter? Giocare è importante, lo so bene, quindi devo lavorare duro e provare a forzare la mano del tecnico".

Il giocatore, quindi, spiega cosa non è andato nell'esperienza orientale: "Non giocavo da novembre, quindi è stato un po' difficile andare lì, non ero nella forma migliore ed ero anche abbastanza nervoso: le prime due settimane le ho passate a rimettermi in condizione. La Chinese Super League non è al livello della Serie A, ma non devo dimostrare niente a nessuno. Tutto sta nel dimostrare a me stesso che a questi livelli posso restarci".

"La montagna più dura da scalare sono io - ha continuato - Fisicamente ora sono a posto, ma tatticamente è dura: gli italiani amano la difesa. Sto imparando il linguaggio del campo, il che può rendermi più facili le cose, ma tatticamente devo ancora adeguarmi al gruppo. Non è facile arrivare a metà stagione quando ti senti come se fossi a inizio stagione".

Sainsbury è convinto di avere le carte in regola per convincere l'Inter a riscattarlo dallo Jiangsu: "Spero che qualcuno possa capire quello che posso dare a un club in modo da rendere possibile un trasferimento definitivo. Mia moglie ne sarebbe felicissima, e io per il momento sono molto felice".

"Avevo già assaggiato l'Europa prima, ed è lì che ho trovato la passione bruciante per migliorarmi, la stessa che provo quando gioco con la nazionale australiana. Tutti vogliono migliorare e raggiungere il livello successivo, all'Inter si vede la loro mano. L'Europa è decisamente nella mia agenda", ha infine concluso.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità