Inter, Sanchez rientra a disposizione dopo l'infortunio. Ma la sua tenuta fisica preoccupa

·1 minuto per la lettura

Le parole del presidente della Federcalcio cilena, Pablo Milad, avevano spaventato non poco l’ambiente Inter riguardo alle condizioni fisiche di Sanchez. “Sarà ancora una volta difficile contare su Alexis, ha un infortunio piuttosto complicato, speriamo che possa arrivare qui in tempo ma la situazione è seria” aveva dichiarato ad Adn Radio riguardo a una possibile convocazione per le qualificazioni ai Mondiali di settembre. In realtà la situazione sembra meno grave del previsto.

RIENTRA - Dopo l’infortunio al polpaccio rimediato in Coppa America, il niño maravilla ha svolto la riabilitazione a Barcellona e oggi è atteso a Milano. Nei prossimi giorni tronerà ad allenarsi ad Appiano Gentile e la speranza è quella di vederlo in campo al rientro dalla sosta. Anche se il caso sembra essere rientrato, il suo ennesimo acciacco ha confermato ancora una volta che l’Inter non può fare totale affidamento su di lui, che è considerato una risorsa importante ma è anche sul mercato, senza però avere offerte, oltre che per i 7 milioni di ingaggio, proprio per le sue sempre precarie condizioni fisiche.

MERCATO IN STAND BY - Così, la sua situazione blocca anche il mercato degli altri esuberi in attacco. È possibile che, per cautelarsi, oltre all’attaccante che verrà acquistato in questi giorni, Inzaghi possa voler trattenere un’altra punta fra Pinamonti, Salcedo e Satriano. Tutti e tre hanno offerte importanti: il primo piace all’Empoli, il secondo al Genoa, il terzo ha tante pretendenti sia in Italia che all’estero. Proprio l’uruguaiano, reduce da un grande precampionato, dovrebbe essere il principale indiziato a rimanere in rosa come quinto attaccante, precludendosi però la possibilità di giocare e continuare a crescere ancora.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli