Inter, torna De Vrij: fra contratto e risultati, per l'Europa resta indispensabile

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Stefan De Vrij è tornato e anche se ha vissuto 90 minuti in panchina nella sfida contro il Real Madrid poi persa dall'Inter in Champions League, il centrale olandese è pronto a riprendersi il proprio posto al centro della retroguardia di Simone Inzaghi dopo ben 6 gare saltate a causa di un risentimento muscolare alla coscia destra sofferto con la sua nazionale. Partite che hanno mostrato alla dirigenza nerazzurra, ancora alle prese con il suo rinnovo contrattuale, che rendimento può avere questa rosa con e senza di lui.

PER L'EUROPA RESTA INDISPENSABILE - 5 di queste 6 partite (Shakhtar, Napoli, Venezia, Spezia, Roma e Real Madrid) avevano mostrato che, seppur giostrando e facendo girare Ranocchia, Skriniar e Bastoni come centrali di ruolo della linea a 3, l'Inter poteva sopperire all'assenza dell'olandese. La gara di ieri sera ha però riportato a galla gli spettri visti in parte anche nel finale di partita contro il Napoli e che certificano che, se il livello e l'intensità della gara si alzano, le attuali alternative a De Vrij, non sono abbastanza. In sostanza per i big match, e quindi per l'Europa, l'olandese resta indispensabile.

RINNOVO E ALTERNATIVE - Sì perché sebbene Bastoni e Skriniar abbiano retto l'urto (in realtà contro il Real Madrid più volte lo stesso slovacco ha perso posizioni e distanze), l'accentramento di uno dei due costringe Inzaghi ad impiegare le cosiddette seconde linee nel ruolo di braccetti ed è proprio lì che mancano alternative allo stesso livello dei 3 titolarissimi. Cosa può fare quindi l'Inter? Le vie che Marotta e Ausilio si trovano davanti a sé sono parallele con possibilità d'intreccio e partono, inevitabilmente dai discorsi arenatisi oltre un anno fa sul suo rinnovo del contratto in scadenza 30 giugno 2023. L'Inter si sta muovendo sul mercato dei difensori alla ricerca di opportunità (piacciono Ginter, Bremer e non solo), ma blindare De Vrij non può che rimanere l'opzione primaria. Raiola e conti permettendo, il perno della difesa rimane difficilmente sostituibile.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli