Inter, tutti i nomi per il dopo-Perisic

In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

L'Inter 2022-23 non avrà più fra le proprie fila Ivan Perisic. Il centrocampista croato ha scelto di non accettare la proposta di rinnovo del club nerazzurro e trasferirsi in Premier League, al Tottenham alla corte di Antonio Conte che sta facendo di tutto per ricostruire a Londra l'intera catena di sinistra che aveva a Milano, con anche Bastoni in cima alla lista dei suoi desideri. Marotta e Ausilio sono convinti di aver fatto il massimo possibile, a livello economico, per trattenerlo e da due giorni sono al lavoro su diversi fronti per individuare il sostituto ideale da concedere a Simone Inzaghi per la prossima stagione in cui, comunque, Robin Gosens potrà partire da titolare e in cui il jolly Federico Dimarco potrà all'occorrenza tornare a ricoprire il ruolo di quinto di sinistra.

TUTTI I NOMI E UN PREFERITO - La presenza di due alternative sta spingendo l'Inter a considerare colpi di mercato che siano quanto più economicamente sostenibili, soprattutto a livello di ingaggio, rispetto all'offerta che è stata fatta per il croato. Per questo accanto ai quotati Filip Kostic dell'Eintracht Francoforte e Federico Bernardeschi della Juventus (il secondo è libero a parametro zero, per il primo si deve trattare con il club tedesco) si stanno facendo largo altri profili, più giovani e in rampa di lancio, provenienti dal campionato italiano. Da tempo sono stati avviati contatti con Fabio Parisi dell'Empoli e con Andrea Cambiaso del Genoa, ma il nuovo nome, balzato direttamente in cima alla lista dei preferiti, è quello di Destiny Udogie, che piace molto anche alla Juventus e che potrà dire addio all'Udinese in estate. Tanti nomi nessuna fretta, l'Inter non si farà prendere per la gola dal colpo in fascia, ma un rinforzo per il dopo Perisic comunque servirà.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli