Italia: metà squadra si inginocchia per la lotta al razzismo e metà no

·1 minuto per la lettura

Ultimo appuntamento della fase a gironi di Euro 2020 per l'Italia, ma prima della sfida con il Galles arriva un episodio che divide il pubblico: metà squadra azzurra si inginocchia prima del fischio d'inizio, metà no.

COSA E' SUCCESSO - Si tratta del consueto rito di adesione al movimento Black Lives Matter, contro la violenza e ogni forma di discriminazione per il colore della pelle. Un tema particolarmente sensibile per il mondo britannico e per questo Bale e compagni si prostrano in maniera compatta. Meno uniforme invece il comportamento della Nazionale di Mancini: Belotti, Bernardeschi, Chiesa, Pessina, Toloi ed Emerson si inginocchiano aderendo all'iniziativa; non fanno altrettanto Jorginho, Verratti, Bastoni e Bonucci che restano in piedi. Un comportamento, questo, che ha generato polemica sui social.

LIBERTA' DI SCELTA - Occorre premettere che inginocchiarsi o meno è una libera scelta delle singole federazioni e, nel dettaglio, ogni federazione può lasciare libera scelta ai giocatori. Così ha fatto la Figc, come aveva spiegato in conferenza stampa Leonardo Bonucci: "Siamo tutti contro ogni forma di discriminazione e di razzismo, è una libera scelta delle singole federazioni". E se contro Turchia e Svizzera nessun giocatore si era inginocchiato, contro il Galles la scena si è parzialmente ripetuta, con alcuni Azzurri che hanno deciso all'ultimo di inginocchiarsi e seguire la condotta dei colleghi britannici. Dividendosi nel proprio atto, dividendo l'opinione pubblica, in parte favorevole e in parte contraria alla reiterazione di questo rito in competizioni sportive.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli