Italia sconfitta dalla Scozia 28-17 nel primo test autunnale

Adx
·1 minuto per la lettura

Roma, 14 nov. (askanews) - L'Italia debutta con una sconfitta nell'Autumn Nations Cup, fermata 28-17 dalla Scozia al "Franchi" di Firenze nel Cattolica Test Match che inaugura la nuova manifestazione per la finestra internazionale d'autunno. Per gli highlanders, dopo la battuta d'arresto interna del 2015, è la sesta affermazione consecutiva sugli italiani e, per il capo allenatore azzurro Smith, una battuta d'arresto che prolunga l'attesa della sua prima vittoria alla guida dell'Italia dopo le cinque partite perse nel Guinness Sei Nazioni. Nonostante la sconfitta, Bigi e compagni muovono un nuovo, significativo passo nella direzione voluta dal tecnico sudafricano, con ottanta minuti di prestazione contraddistinta da fisicità, attitudine e forte desiderio - per lunghi tratti concretizzato - di imporre il proprio gioco. Alla fine, è la maggiore esperienza di un gruppo che - come ricordato nell'avvicinamento alla partita da coach Smith - ha già alle spalle un numero superiore di test-match al proprio attivo a fare la differenza: sotto per 14-7 in avvio di ripresa, la Scozia ricuce sul 14-14 con un pick-and-go del pilone Fagerson, viene superata nuovamente da un piazzato di Garbisi ma, nell'ultimo quarto d'ora, prende il controllo del campo e prima si riaffaccia avanti con una meta del seconda linea Cummings, bravo a sostenere il compagno Nel staccatosi da un maul, poi chiude i conti poco prima dello scadere con il tallonatore di riserva Turner. Weir, oggi al 100% dalla piazzola, fissa il risultato sul 17-28. L'Italia rientrerà in serata a Roma per iniziare da subito a preparare la partita contro Fiji di sabato prossimo ad Ancona, secondo Cattolica Test Match e ultima gara interna della Autumn Nations Cup prima della trasferta del 28 novembre a Parigi contro la Francia.