Italiamania, 36 partite senza sconfitte: Mancini leggenda, andrà al Mondiale nonostante i 'gufi'!

·2 minuto per la lettura

L'Italia è famosa per essere un popolo di 60 milioni di ct e per avere generalmente la memoria molto lunga dopo le sconfitte e molto corta dopo le vittorie: poco più di due mesi fa il popolo azzurro scendeva in piazza per giubilare, a ragione, il trionfo europeo arrivato dopo 53 anni e l'impresa epica di Roberto Mancini, capace di raccogliere dalle macerie una nazionale spenta e senza qualità, e trasformarla in un gruppo vincente in grado di eliminare corazzate come Belgio, Spagna e Inghilterra.

Settanta giorni dopo, i "gufi" di professione sono tornati sui rispettivi trespoli. Probabilmente angustiati e infastiditi dai successi dell'Italia, hanno colto come manna dal cielo gli sfortunati pareggi contro Bulgaria e Svizzera, che hanno sì complicato la corsa al Qatar, ma non certo rendendola impossibile come costoro vorrebbero far passare: ammesso e non concesso che gli elvetici vincano le due gare contro l'Irlanda del Nord, di cui la prima mercoledì proprio a Belfast, gli Azzurri avranno poi comunque il match point in casa, il 12 novembre a Roma, contro gli uomini di Yakin. Con tre punti sarebbe ufficialmente iridata: si parla di sconfiggere una nazionale che non meno dei fatidici due mesi e mezzo fa asfaltavamo per 3-0 e che anche ieri abbiamo dominato, nonostante gli imperdonabili errori di Berardi prima e Jorginho poi.

Non è certo la Spagna dell'epoca venturiana, quella sì compagine da temere, vista anche la nostra condizione dell'epoca: il gioco anche contro la Svizzera è stato buono, le occasioni da rete non concretizzate troppe. Pazienza, è un momento che passerà, magari con l'innesto di un centravanti più fisico al posto dello "sciagurato" Immobile e del poco utile, in certe condizioni, Raspadori. I gol arriveranno, meglio averli fatti all'Europeo che ora.

Dulcis in fundo, Roberto Mancini da ieri è entrato ufficialmente nella leggenda: con il pari di Basilea, infatti, gli Azzurri hanno centrato il loro trentaseiesimo risultato utile consecutivo, eguagliando la serie più lunga di gare senza sconfitte di una Nazionale maggiore a livello mondiale, stabilita dal Brasile tra il 1993 e il 1996. Non male per chi cinque anni fa faceva fatica persino a vincere qualche amichevole. Con buona pace dei volatili rapaci della famiglia degli Strigidi.

@AleDigio89

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli