Italian pro tour: a Jacopo Vecchi fossa l'Italy alps open

Adx
·2 minuto per la lettura

Roma, 30 ott. (askanews) - Dominio azzurro nell'Italy Alps Open. Jacopo Vecchi Fossa, dopo un finale altamente emotivo e combattuto, ha vinto con 203 (69 66 68, -13) colpi l'ultima gara stagionale dell'Alps Tour e dell'Italian Pro Tour, disputata sul tecnico e selettivo percorso del Golf Nazionale (par 72), a Sutri (VT). Ha sorpassato sulla buca conclusiva il francese Jeong Weon Ko (205, -11) altro protagonista della gara insieme a Filippo Bergamaschi, leader nei primi due turni e poi terzo con 209 (-7), affiancato dai transalpini Julien Foret e Paul Elissalde. Jacopo Vecchi Fossa ha siglato il suo primo titolo sull'Alps Tour e il 18° successo italiano della stagione in campo internazionale. Quattro li hanno ottenuti i professionisti, uno sull'European Tour con Renato Paratore e altri due sull'Alps Tour con Matteo Manassero e con Stefano Mazzoli. Quattordici quelli dei dilettanti, sei individuali e otto a squadre. Tutto a testimonianza di un gruppo capace di imporsi in ogni fascia d'età e sui circuiti di tutto il mondo. La gara - Vecchi Fossa e Ko anno iniziato il turno conclusivo con un colpo di ritardo da Bergamaschi, che ha perso rapidamente contatto. Il francese si è portato avanti di un colpo sulle prime nove buche, poi è tornata la parità alla 15 per il primo errore del transalpino, ma l'azzurro gli ha concesso ancora un colpo di vantaggio con il suo unico bogey alla 16 . Quindi il sorprasso sul green della 18 : birdie di Vecchi Fossa e addirittura doppio bogey di Ko. Altri due italiani tra i top ten, Alessandro Tadini, quattro allori sul Challenge Tour e sempre affidabile, sesto con 210 (-6) insieme allo spagnolo Lucas Vacarisas e all'irlandese Jonathan Yates, e al nono posto con 211 (-5) Giulio Castagnara, alla pari con gli iberici Angel Hidalgo Portillo e Jordi Garcia Del Moral, numero uno del circuito per il 2020. Il migliore tra i dilettanti, che si sono molto ben comportati, è stato Filippo Celli, 16° con 213 (-3), e subito dietro Andrea Romano, 21° con 214 (-2) stesso score di Andrea Saracino. E ancora in 23 posizione con 215 (-1) l'altro amateur Lucas Nicolas Fallotico. Mazzoli manca la 'carta' per il Challenge Tour 2021 - Delusione per Stefano Mazzoli che con il 16° posto, alla pari con Filippo Celli, non è riuscito a mantenere il terzo posto nella money list, l'ultimo che dava diritto a una delle tre "carte" per il Challenge Tour 2021, scivolando al quarto (punti 13.522). È stato sorpassato da Jeong Weon Ko (p. 14.556), sicuramente soddisfatto dell'esito del torneo anche se ha mancato la vittoria. Il re dell'Alps Tour 2020, come detto, è Jordi Garcia Del Moral (p. 18.502), la cui leadership era già al sicuro prima di questo evento, e seconda posizione per Lucas Vacarisas (p. 14.975), più che meritata dopo un titolo e altre tre top ten in sette gare disputate.