La nuova vita di Jenas: inchiesta TV sugli accoltellamenti a Nottingham

Jermaine Jenas non è solo un ex calciatore di discreto successo, ritiratosi tre anni fa dopo aver vestito anche la maglia della Nazionale inglese: è anche un cittadino che ha a cuore le sorti della propria città, Nottingham, sempre più ostaggio della criminalità giovanile.

L'ex centrocampista di Newcastle e Tottenham, 34 anni, nato proprio a Nottingham e cresciuto nel Forest con cui nel 2001 ha debuttato in prima squadra, si è travestito da reporter: ha realizzato e condotto lui stesso un'inchiesta, denominata 'Teenage Knife Wars', per analizzare il preoccupante fenomeno dei coltelli come arma, sempre più diffusi tra gli adolescenti anche in età giovanissima.

Mezz'ora di servizio, trasmesso da 'BBC Three': Jenas si è recato nei quartieri più difficili di una città bella, ma caratterizzata da disoccupazione alta e sobborghi violenti. Ha ascoltato pareri, rivelazioni, confessioni. Ed è tornato con la mente a una giornata di 15 anni fa, quando, giovanissimo, si era trovato nel mirino della lama di un coltello.

Era accaduto quando Jermaine aveva 19 anni: all'uscita dal barbiere, una baby gang formata da 5 persone lo aveva accerchiato costringendolo a consegnare soldi e orologio. Un trauma che l'ex calciatore si è portato dietro per tutta la vita, decidendo quindi di fare qualcosa per la propria città.

Anche l'ex rossonero Kevin-Prince Boateng, notoriamente attento alle tematiche sociali (su tutte quelle del razzismo), si è complimentato su Twitter con Jenas, con il quale ha giocato ai tempi del Tottenham: "Documentario terrificante, interessante e importante".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità