Juve, Allegri bacchetta Szczesny: 'La palla in tribuna non è una vergogna. Ronaldo? Gli ho detto io di iniziare in panchina. Sulla rimonta subita...'

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, parla ai microfoni di Dazn dopo il 2-2 con l'Udinese.

"Diciamo che abbiamo fatto una buona partita, purtroppo il calcio è anche questo. Succedono delle cose che sono inaspettate. Dovevamo fare un pochino meglio nel secondo tempo nella gestione della palla, eravamo in controllo, però l'imprevisto è una cosa che non siamo riusciti a gestire. Questa è una cosa che dobbiamo imparare in fretta. Meno male che ci è capitato alla prima giornata e ci dovrà servire di lezione".

SU RONALDO E SZCZESNY - "Cristiano sta bene, ho parlato con lui. Vedendo l’inizio della stagione, le condizioni di tutti, pensando alla partita, gli ho detto vieni in panchina che nel secondo tempo ci sarà bisogno di entrare, lui si è messo a disposizione. È entrato e ha fatto bene, anche gol, peccato che per un centimetro non fosse buono. Non è una questione tecnica, ma di capire i momenti. Prima che me lo domandiate: Szczesny è un grandissimo portiere, ma buttare la palla in tribuna non è vergogna".

SU LOCATELLI E RAMSEY - "Locatelli può giocare sia da play che da mezzala, soprattutto con due in mezzo al campo che gestiscono un po' il gioco viste le caratteristiche che abbiamo. E' un po' indietro di condizione, tra l'altro Ramsey oggi ha fatto una buona partita davanti alla difesa".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli