Juve, Allegri chiama Pjanic: priorità ai bianconeri, la situazione

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

"​Non so cosa sia successo in questi due anni. Io cerco di sfruttare le caratteristiche dei giocatori, Ronaldo è un calciante da lontano e Dybala da vicino, poi è semplice perché uno è destro e uno sinistro". Questo il discorso di Massimiliano Allegri, nel suo nuovo insediamento alla Juventus, per quanto riguarda un problema che accompagna la Vecchia Signora da ormai tre anni: i gol da calcio piazzato. Da quando è arrivato Cristiano Ronaldo, le reti arrivate da punizione sono diminuite drasticamente, con CR7 che catalizza tutto ciò che gravita nei dintorni dell'area di rigore: 1 gol del portoghese, contro il Torino; 2 gol della Joya, ma fermi alla stagione 19/20.

LA 'CHIAMATA' - Il discorso del Conte Max non si è fermato a Ronaldo e Dybala, è andato avanti. Così: "Poi se arriva un destro calciante, vedremo...". E un destro calciante, nel mirino bianconero, c'è: si chiama Miralem Pjanic. Il bosniaco è fuori dai piani del Barcellona, pronto a dar via gratis l'ex Juve e Roma che percepisce un ingaggio da 6,5 milioni di euro a stagione. La Juventus prende tempo, perché prima di ingaggiare l'ex 5 bianconero deve creargli spazio, e sta infatti cercando di piazzare Aaron Ramsey in Premier League per riaccogliere il pupillo di Allegri.

I NUMERI - Seguito anche dal Tottenham di Fabio Paratici, Pjanic ha dato la sua priorità al ritorno in bianconero, per i quali continua a mandare segnali, non solo via social. Con Pjanic che darebbe alla Juve, qualità sia alla manovra che ai piazzati: terzo miglior calciatore di punizioni della storia bianconera alle spalle di Pirlo (15) e Dybala (11), Miralem è fermo a quota 7 (3 nel primo anno, 3 nel secondo, 1 nel terzo, quando CR7 ha provato a fagocitare tutti). Il secondo di Pjanic era il primo di Ronaldo e l'ultimo di Allegri, che non sa cosa sia successo in questi ultimi due anni. Proverà a risolvere il problema, magari riportando a casa il centrocampista bosniaco. Per ora lancia il Bat-Segnale dalla conferenza. Dove Bat sta per battitore di punizioni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli