Juve, c'è anche Damsgaard nella 'linea Arrivabene': Cherubini mette le basi

·1 minuto per la lettura

Il mercato dell'estate 2021 ha evidenziato un cambio di strategia epocale per quanto riguarda la Juventus. L'era dei Cristiano Ronaldo, ma anche degli Higuain, è finita. Così come è terminata l'era delle 'occasioni over 30': niente Witsel, niente Pjanic. L'esplosione dei costi, un monte ingaggi da 236 milioni, il fattore Covid: questi elementi hanno tracciato una linea invalicabile che la Juve non intende più superare. Maurizio Arrivabene, l'uomo posizionato da John Elkann accanto ad Andrea Agnelli per controllare e contenere le spese, ha dettato la nuova strategia: si investe solo sui giovani, senza spese folli, e si fa un innesto in rosa solo quando si libera una casella con una cessione. Da qui il mercato in entrata della Juve: Locatelli, Kaio Jorge e Kean.

OBIETTIVO DAMSGAARD - E da qui anche scelte e obiettivi per il futuro: si investe solo per giovani potenziali campioni. Obiettivo puntato su Dusan Vlahovic quindi, come vi abbiamo raccontato. E poi mirino puntato su altri giocatori dalle caratteristiche analoghe, per età e potenzialità. Uno di questi è Mikkel Damsgaard, classe 2000 della Sampdoria, protagonista di un grande Europeo con la Danimarca. Il centrocampista blucerchiato piace da tempo ai bianconeri, così come al Milan e all'Inter, ed è sicuramente un elemento la cui evoluzione verrà valutata con attenzione dalle parti della Continassa. Intanto, dopo qualche affare sfumato, i buoni rapporti con il club presieduto da Massimo Ferrero sono stati ristabiliti e rinsaldati con i prestiti di Ihattaren e Dragusin, due buone premesse per arrivare a parlare di Damsgaard.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli