Juve, Chiesa rincorre il Milan: ma Pirlo ha l'arma in più Dybala

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Domenica 9 maggio. Un giorno chiave per il futuro della Juventus, un match nel quale Andrea Pirlo potrebbe tornare ad avere a disposizione Federico Chiesa. La sfida con il Milan è fondamentale per la corsa Champions League, per questo l'allenatore bresciano spera di avere a disposizione il suo numero 22, out dal 18 aprile per un problema muscolare alla coscia sinistra. Doveva esserci già a Udine, ma la Juve ha preferito non prendersi rischi per timore di una ricaduta, dovrebbe esserci domenica allo Stadium, per una sfida, di fatto, da dentro o fuori. Ieri ha lavorato a parte ma le sensazioni sono positive.

VALORE AGGIUNTO - Pirlo sa quanto Chiesa sia importante per l'economia di gioco della Juve. Le sue accelerazioni, il suo cambio di passo, la sua capacità di creare la superiorità numerica sono armi che sono mancate alla truppa bianconera nell'ultimo periodo. Con Chiesa è un'altra Juve, lo sa bene il Milan, che l'ha sofferto tremendamente nel match di andata al Meazza. L'ex viola ha arato Theo Hernandez, ha segnato due gol e colpito un palo. Uno spauracchio, che ha una voglia matta di ripetersi.

FATTORE DYBALA - Con lui potrebbe esserci Paulo Dybala, autore di due assist (uno magnifico di tacco) nel match di andata. La Joya sta vivendo un'annata deludente, condizionato dai problemi fisici e da un rinnovo che non arriva, ma quando vede rossonero si trasforma: al Milan ha segnato 8 gol in carriera, 5 di questi sono arrivati allo Stadium. E domenica vuole regalarsi un nuovo capitolo, per spingere la Juve verso la Champions.