Juve, Gabriel e un’idea che nasce da lontano: tra la carta Arthur e le difficoltà sul mercato di Serie A

Gabriel Magalhaes, difensore classe 1997 dell’Arsenal, è da tempo sui taccuini della dirigenza della Juventus, che era già consapevole di dover agire sul mercato in conseguenza dell’addio di Chiellini. A maggior ragione adesso, che Matthijs de Ligt è sul piede di partenza. Serve un titolare, e il brasiliano dell’Arsenal può essere raggiunto più facilmente rispetto ad altri obiettivi, sempre che i Gunners siano disposti a trattare sulla prima richiesta, che supera i 50 milioni di euro. L’INCASTRO CON ARTHUR – A gennaio c’erano stati i primi contatti per Arthur all'Arsenal, ma l’ex Barcellona, tra un costo elevatissimo e una situazione in divenire nella rosa della Juventus, non si è mosso. Adesso i due affari potrebbero essere incrociati, anche se non si può parlare tecnicamente di scambio in quanto rimarrebbero distinti l’uno dall’altro. E soprattutto va valutato il reale interesse dei londinesi nel continuare a seguire questa pista, dato l'arrivo di Fabio Vieira dal Porto per 40 milioni. MURO IN ITALIA – Va detto che Allegri sarebbe più orientato verso un difensore che conosce il campionato italiano, ma Koulibaly e Bremer sono oggettivamente colpi molto complicati: il primo per la resistenza opposta da De Laurentiis e dalla città di Napoli, che vuole evitare a tutti i costi un nuovo caso Higuain, il secondo per il vantaggio acquisito dall’Inter nella trattativa con il Torino. Di conseguenza, Nedved e Cherubini hanno posto le basi fin da maggio per poter approfondire la questione in un secondo momento. Che, a giudicare dalle parole di Arrivabene, sembra davvero imminente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli