Juve, idee e problemi per il vice-Vlahovic: da Arnautovic a Icardi, c'è sempre il 'tappo' Kean

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Pogba e Di Maria, i due grandi colpi chiesti da Massimiliano Allegri sono ufficialmente in dirittura d'arrivo. Due stelle che servivano a dare qualità ed esperienza in rosa, ma che non saranno gli unici colpi di un mercato finora frenato da diktat proprietari portati avanti da Arrivabene LEGGI QUI. No a colpi economici prima del 30 giugno a meno di cessioni che non ci sono state per non appesantire il bilancio e l'esplosione delle trattative soltanto dopo la chiusura dell'anno fiscale. C'è però un'altra richiesta che l'allenatore livornese ha portato avanti con la proprietà e, a maggior ragione con l'addio di Morata, sta spingendo affinché il club gli "regali" un colpo di scorta in attacco.

DA ARNAUTOVIC A ICARDI - Vice-Vlahovic cercasi sul mercato, anche se la ricerca non è affatto semplice per i paletti imposti. Il preferito di Allegri è senza dubbio Marko Arnautovic che si è ritrovato a Bologna e che per caratteristiche sarebbe perfetto al posto della punta serba. Il problema per lui è che il club emiliano sta facendo muro, con il nuovo ds Sartori che non può presentarsi alla piazza vendendo il proprio elemento migliore e ne fa una valutazione importanti fra i 15 e i 20 milioni, troppi. Edin Dzeko è il cavallo che ogni anno ritorna, ma la Juve non vuole fare regali all'Inter (che prenderebbe Dybala al suo posto) e non vuole garantire uno stipendio così alto ad un quasi 36enne. Timo Werner se fosse inserito nell'affare De Ligt potrebbe essere un colpo top, che però difficilmente si accontenterebbe di un ruolo da vice e con uno stipendio da top d'Europa. Infine c'è Mauro Icardi, anche in questa estate di mercato riproposto ai bianconeri, che però anche sfruttando il decreto crescita dovrebero comunque garantire cifre top per un giocatore che spacca gli spogliatoi e che da due anni fatica a livello fisico.

KEAN IL TAPPO - Tante idee, molte problematiche che però si scontrano inevitabilmente con quella che è la più importante, quella principale e la più urgente da risolvere: Moise Kean. L'attaccante italiano, infatti, sta fungendo da "tappo" alle trattative in entrata perché quell'obbligo di riscatto da 30 milioni per la prossima stagione pesa molto sul suo futuro e sulle strategie economiche della Juve. Gli uomini mercato bianconeri stanno cercando una soluzione sia con l'Everton, che però non vuole fare sconti, sia con gli agenti del giocatore. Si proverà magari a riscattarlo in anticipo per poi rivenderlo immediatamente e trovare spazio per un innesto. Tante idee, molti problemi. Per il vice-Vlahovic ci sarà ancora da lavorare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli