Juve, intercettazioni Bonucci-ultrà dopo il ritorno dal Milan: "Problemi con tifosi e squadra"

Antonio Parrotto
90min

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A!

Leonardo Bonucci ha lasciato la ​Juve per il Milan ma l'esilio è durato solo un anno perché il difensore è tornato in bianconero. L'accoglienza non è stata delle migliori ma il centrale juventino ora è tornato ad essere uno degli idoli della tifoseria juventina.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Leonardo Bonucci
Leonardo Bonucci

Nel mezzo tante storie. Alle 19.40 del 9 agosto 2018, Leonardo Bonucci è al telefono con un amico, che gli chiede come sono i rapporti con i compagni: "E lui risponde - riassumono gli agenti della Digos di Torino - che gli italiani, nello specifico Barzagli, Marchisio, ​Bernardeschi, sono molto freddi con lui".


Dopo l’annata al Milan, insomma, quello alla Juve non fu subito un ritorno da casa dolce casa. La Curva Sud lo contestò. A margine dell'inchiesta 'Last Banner', sui ricatti degli ultrà al club, è emerso anche un altro quadro. Gli agenti temono pressioni sul giocatore e così, scrive il Corriere della Sera in edicola oggi, il 4 agosto 2018 decidono di mettere sotto controllo i cinque numeri di cellulare a lui intestati. Di venti giorni di intercettazioni, agli atti dell’inchiesta coordinata dal pubblico ministero Chiara Maina, resteranno sei telefonate: penalmente irrilevanti, ma che rendono l’idea dell’aria che tirava, oltre a ricostruire l’inizio della seconda vita di Bonucci, in bianconero.


"In funzione del rientro alla Juve - annotano ancora i poliziotti - Bonucci si è subito preoccupato di contattare i capi ultrà, al fine di evitare che gli stessi possano organizzare momenti di contestazione diretti alla sua persona". Spunta un messaggio whatsapp di Bonucci a Fabio Trinchero, 48 anni, uno dei leader dei Viking, e tra i 29 indagati dell’inchiesta: "Mi farebbe piacere quando torno dall’America, fare due chiacchiere per spiegarti come effettivamente sono andate le cose". Risposta: "Con un confronto si possono aggiustare le cose".

Potrebbe interessarti anche...