Juve, Paratici: 'Stipendi? Parleremo coi giocatori. Il futuro non dipende da 2 partite, mai pensato al Conte-bis'

·1 minuto per la lettura

A pochi minuti dalla sfida contro l'Inter, il ds della Juve, Fabio Paratici, ha parlato a Sky: "Juve-Inter è sempre stata una partita sentita e importante, al di là del fatto che oggi arrivino con lo scudetto in mano".

SUL FUTURO - "Non dipende da una sola partita. I programmi si fanno guardando una stagione, non aspettando il risultato di una-due partite. Siamo molto concentrati su ciò che dobbiamo fare: lo chiediamo ai giocatori e lo pretendiamo anche da noi stessi".

COPPA ITALIA O CHAMPIONS - "Nessuno gioca per perdere nessuna partita, sarebbe stupido scegliere. Siamo concentratissimi sul dare il meglio di noi stessi ogni giorno. L'abbiamo fatto per 11 anni e lo faremo anche in questa settimana".

SU CONTE ALLA JUVE 2 ANNI FA - "No. Siamo partiti con Sarri e siamo arrivati con Sarri con in mezzo una leggenda metropolitana chiamata Guardiola".

SULLA SITUAZIONE STIPENDI - "Il mondo del calcio dev'essere attento a queste situazioni di crisi. Siamo riusciti a mantenere i nostri impegni regolarmente fino ad oggi, di questo siamo fieri e orgogliosi. Non abbiamo in programma manovre collettive, parleremo con i giocatori in maniera individuale per capire se e come dovremo fare qualcosa".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli