Juve, Paredes: 'A Di Maria ho detto che deve restare più di un anno. Allegri? Mi ha chiesto verticalità' VIDEO

Avanti il prossimo. Ultimo ad arrivare, tocca a Leandro Paredes presentarsi al popolo bianconero. Questi i temi toccati dal regista della Juve in conferenza stampa.

PRIMA IMPRESSIONE - "Le impressioni sono sempre buono. Sono arrivato in una grande squadra con giocatori forti e un allenatore forte. Sono felice di essere qua e spero di dare il mio contributo alla squadra"

CONTRIBUTO - "Cercherò di dare sempre il 100% di me, dando quello che chiede l'allenatore per essere pronto ad aiutare la squadra e restare vicino ai centrali di difesa. Quella posizione è quella che mi piace di più"

DI MARIA - "Quando ho saputo che sarebbe venuto qua anche lui, poi abbiamo iniziato a parlarne insieme e pure con le nostre famiglie. Abbiamo fatto di tutto per venire"

VERTICALITA' - "Me lo ha chiesto anche Allegri di giocare in verticale, l'ho sempre fatto e spero di poterlo fare"

LA TRATTATIVA - "Sono sempre rimasto tranquillo, avevo molta fiducia anche nella società. Abbiamo parlato tante volte, erano convinti di fare questa scelta e ora sono molto felice"

MARCHISIO - "Lui è uno dei tanti che mi hanno scritto prima di venire, voleva che giocassi alla Juve, abbiamo avuto un bel rapporto a San Pietroburgo"

IL GAP - "Penso che dopo i primi venti minuti abbiamo fatto grandissima partita col Psg, dimostrando di essere una grande squadra che può competere con tutti"

VINO - "Non conosco tanto i vini, non posso paragonarmi"

DI MARIA - "Spero possa restare, gli ho già detto due volte che deve rimanere con noi ancora per un po' oltre questa stagione"

ARGENTINA - "Ora penso alla Juve, poi mi dedicherò alla Nazionale"