Juve, Pirlo: 'Allegri? Agnelli mi aveva avvisato dell'incontro. Torna Dybala'

·3 minuto per la lettura

Il momento è critico, la panchina è in bilico. E la partita con il Napoli vale come uno spareggio Champions. Così Andrea Pirlo presenta la partita di domani sera, condizionata una volta ancora anche dai positivi al coronavirus. Questi i temi toccati dal tecnico bianconero in conferenza stampa.

NAPOLI - "Sarà una gara importante per la classifica, il Napoli sta attraversando un ottimo momento e avrà voglia di fare risultato allo Stadium. Ma noi vogliamo fare la partita e prendere i tre punti. Spero sarà una bella partita. Non sarà decisiva ma solo importante, non è un'ultima spiaggia, è importante perché si affrontano due squadre con stessi obiettivi"

SCELTE - "Confermato Szczesny, dopo una brutta prestazione c'è sempre voglia di riscatto. Cuadrado può giocare avanti o indietro, le valuteremo con calma, contro il Napoli ha giocato sempre da terzino anche contro Insigne"

ALLEGRI - "Sono stato avvertito dal presidente in persona dell'incontro, a parte il calcio l'amicizia resta. Se andassi a cena con Maldini mica dovrei diventare allenatore del Milan. Ho contatto quotidiano con Agnelli, ci diciamo tutto ciò che succede, sono al corrente della sua fiducia che mi dà tanta serenità, i risultati cambiano tutto e starà a me far sì che possa essere l'allenatore dell'anno prossimo. La partita col Napoli decisiva per me? Io lavoro per far bene e cercare di vincere le partite"

POSITIVI - "Come sempre rispettiamo il protocollo, siamo sempre in sintonia con quello che dice l'Asl e faremo quello che c'è da fare"

FIDUCIA SQUADRA - "Avverto la fiducia dei giocatori, sono sempre in contatto con loro, parliamo prima e dopo gli allenamenti, mi danno fiducia su quello che voglio e stiamo portando avanti. I giocatori mi seguono, hanno voglia di rivalsa e sono i primi a essere tristi per questa situazione. Non devo chiarirmi coi giocatori perché è tutto a posto, sono sempre rimasto sereno su questo lato perché vedo che seguono le mie indicazioni e li ringrazio per averlo fatto anche nei momenti di difficoltà"

DYBALA - "Paulo fortunatamente sta bene, si è allenato col gruppo, non avverte più dolore. Sarà a disposizione e speriamo di averlo bello pronto per domani. Non ha i 90 minuti nelle gambe, ma per noi è già tanta roba averlo a disposizione"

APPROCCIO - "Nel derby è stato buono, siamo partiti bene, avvio promettente e poi siamo incappati in un calo di energia e concentrazione. Sotto il punto dell'atteggiamento era stato fatto nel migliore dei modi"

KULUSEVSKI E ALEX SANDRO - "Capita di fare errori, bisogna andare avanti e alzare la testa. Kulusevski ha 20 anni, deve avere fiducia e ce l'ha, può stare tranquillo"

MORATA - "Non siamo preoccupati a livello realizzativo, ci dà grande qualità nello sviluppo di gioco"

DIFFICOLTA' - "Ne abbiamo parlato, dopo la striscia di vittorie c'è stato un calo. Le assenze non ci hanno agevolato, non abbiamo dato continuità, magari dopo la Champions son venute meno anche energie mentali. Ora non abbiamo scuse, chiedo tanto ai giocatori, sono il primo a non essere felice e ad avere sbagliato in certe occasioni, ma dobbiamo voltare pagina. Non mi aspettavo così tante difficoltà, il calendario ha visto un accumulo di impegni che lo renderà un anno talmente particolare da renderlo irripetibile. Vissuto tante cose che potranno farmi crescere".