Pirlo: 'Arthur, McKennie e Dybala non convocati, vedremo fino a quando. Futuro? Se perdi 10 partite...' VIDEO

·3 minuto per la lettura

Tranquilla, mai. La vigilia del derby non può che essere particolarmente turbolenta in casa Juve, ad Andrea Pirlo è rimasto un solo allenamento per prepararlo e fuori dalla Continassa come al solito è successo di tutto. Questi i messaggi lanciati in conferenza stampa dal tecnico bianconero.

IL CASO - "Ne parlo subito io così poi pensiamo alla partita. I tre giocatori coinvolti non saranno convocati, poi torneranno a lavorare e capiremo quando. Di questo non voglio più parlare, lo abbiamo già fatto abbastanza. La decisione l'ho presa io, la società ha fatto il resto, poi di solito si prendono insieme. Queste cose son sempre successe, ma questo non è il momento per ciò che succede nel mondo e non solo per la squadra, non era il momento per rispetto di chi rispetta le regole e perché mancavano due giorni alla partita. Siamo degli esempi"

DISCORSO - "C'è stato modo di parlare con tutti singolarmente, non abbiamo affrontato altri argomenti oltre al fatto dell'altra sera. Avremo modo domani di affrontare i discorsi al meglio e di parlare della partita"

CLASSIFICA - "L'approccio non è cambiato, l'obiettivo è di vincere tutte le partite. Vediamo poi che succede, dobbiamo fare più punti possibili, ma guardiamo partita dopo partita"

RIPARTIRE - "Mi sono stufato di dire le stesse cose? Però bisogna dirle. Ogni volta che si cade c'è una grande salita"

REAZIONE - "Ci sarà grande orgoglio perché la nostra è una squadra composta da grandi campioni che hanno già affrontato questi momenti. Avranno grande voglia di rivalsa, è un gruppo fantastico e può fare meglio"

ALEX SANDRO - "Sta bene, ha recuperato dall'infortunio, ha avuto modo di allenarsi insieme agli altri cinque in questi giorni"

DANILO - "Domani vedremo chi avremo a disposizione definitivamente, lui è una soluzione sia per la difesa che a centrocampo"

ERRORI - "Non ci siamo fatti mancare niente quest'anno, non è quello che può portare ad alzare la voce fuori dal campo. I giocatori fuori possono fare ciò che vogliono nei limiti delle regole, alzo la voce solo in campo"

RONALDO - "Sta bene, era arrabbiato perché giustamente in competizioni importanti devono esserci Var e GLT. Per il resto è tranquillo e sereno"

CHIELLINI E BUFFON - "Pensiamo a questa stagione, sono importantissimi però è giusto che io mi basi su ciò che vedo e sul presente"

BERNARDESCHI - "Secondo me le sue caratteristiche sono quelle da esterno, alto e basso"

PAURA - "Il derby è sempre un derby, c'è sempre la stessa voglia di vincerlo sia da una parte che dall'altra. Non l'ho mai giocato con la paura di perdere, gara a sé, l'obiettivo è sempre quello di vincere per fare contenti i tifosi e la squadra"

CHIELLINI - "Sta bene, è rientrato dalla Nazionale perché non poteva giocare la seconda e poi la terza. Speriamo di poterlo vedere in campo a lungo"

TATTICA - "Normale aver studiato delle varianti, sono da mettere in campo però"

FUTURO - "Torniamo su questo discorso, penso siano state dette tante cose anche ribadite dalla società. Io penso al mio lavoro, voglio fare bene e continuare alla Juventus. Poi se perdi dieci partite è giusto che vai a casa"

SZCZESNY E BUFFON - "La squalifica di Gigi non ce l'aspettavamo più, poi è arrivata anche quella... Szczesny è da valutare, aspettiamo tampone, altrimenti giocherà Pinsoglio"

UNITA' - "C'è e c'è sempre stata, la squadra ha sempre pensato allo stesso obiettivo. Continueremo a farlo"

Scopri di più su Pokerstarsnews.it