Juve, Pogba come un re in Guinea, ultima tappa prima delle visite

Prima le vacanze a Miami, ora il viaggio in Guinea, terra d'origine dei genitori, e infine il ritorno tanto atteso alla Juventus. Sono queste le tappe del secondo approdo di Paul Pogba a Torino, con una data, quelle delle visite mediche e dell'annuncio ufficiale, che si avvicina sempre di più. Intanto, il Polpo si gode le ovazioni del popolo della Guinea, che lo ha accolto come un vero e proprio re, cosa che si apprestano a fare anche gli juventini. Già, perché al Milan scudettato e all'Inter che riabbraccia Lukaku, bisogna presto rispondere con un grande colpo, tecnico e mediatico.

Fra la Juve e Pogba, come abbiamo scritto nei giorni scorsi, l'accordo è blindato, con un contratto triennale con opzione per la quarta stagione e un ingaggio che andrà a toccare i 10 milioni di euro netti (8 di parte fissa e 2 di bonus), oltre a un ruolo da primattore in campo e sul versante marketing. I tempi per il ritorno del re sono maturi: la Guinea, le radici, è l'ultima tappa verso Torino, la città nella quale il classe 1993 francese si sente a casa come in nessun altro posto.