Juve 'prigioniera' di Ramsey: blocca il secondo centrocampista

·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

La Juventus è al lavoro per Manuel Locatelli. Contatti continui, incontri, summit... un tormentone che non sembra avere fine ma che, per forza di cose, a breve giro di posta dovrà terminare: o dentro o fuori. Chi è dentro al mondo bianconero, in questo momento, è Aaron Ramsey, il colpo a parametro zero dell'estate 2019, diventato regista in questa nuova estate con Allegri, ricoprendo un ruolo delicato nei meccanismi del Conte Max. Una sorta di rinforzo interno, che rischia, però, di bloccare l'arrivo di un rinforzo da fuori.

Non è un segreto che la Juventus voglia Miralem Pjanic con Manuel Locatelli, ma il centrocampista del Barcellona, fuori dai piani blaugrana, è legato inesorabilmente al suo ex compagno gallese: se non parte l'ex Arsenal, non arriva il bosniaco. E con quell'ingaggio, da 7 milioni di euro, quarto più pagato della rosa, diventa difficilmente piazzabile, anche in quella Premier League dove ha lasciato un bel ricordo. Insomma, la Vecchia Signora è ostaggio di Ramsey, così come il futuro di Pjanic. Così, in attesa di provare a sbloccare questa situazione di stand-by, Allegri prova a reinventare il suo numero 8.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli