Juve, Ronaldo salva la panchina di Pirlo: ma contro il Napoli si gioca di nuovo il posto

Nicola Balice, inviato a Torino
·2 minuto per la lettura

Non c'è la controprova, ma forse Cristiano Ronaldo con quel guizzo sul filo del fuorigioco sulla giocata sporca di Giorgio Chiellini, ha salvato la panchina di Andrea Pirlo. Se la Juve avesse perso il derby, per di più in quella maniera, regalando letteralmente l'ennesimo gol agli avversari e dopo aver giocato una partita a sprazzi convincente ma per gran parte del tempo deludente, forse sarebbe stata necessaria un'immediata inversione di rotta. Non c'è la controprova ma forse una sconfitta avrebbe richiesto subito un cambio in panchina, con questo punticino rocambolesco nel derby, la Juve resta aggrappata alla zona Champions. E ora Pirlo come la squadra intera, si giocherà tutto contro il Napoli in quello che ha davvero il sapore di uno spareggio Champions: sarà così sempre, ogni partita rischia di valere la panchina e la stagione, poi arriveranno Genoa e Atalanta. Ora più che mai, però, guardare oltre il prossimo incontro non è possibile.

E ORA... Non c'è la controprova, ma grazie al gol di Ronaldo ecco che Pirlo può guadagnare tempo e provare a risistemare la squadra. O quantomeno provare a fare quadrato, pungolando magari nell'orgoglio una Juve che Juve non sembra più. Contro il Toro c'è voluto l'asse Chiellini-Ronaldo per evitare una sconfitta che avrebbe infiammato una Pasqua, non che sarà particolarmente tranquilla alla Continassa. Ma almeno così vedrà Pirlo ancora regolarmente al suo posto.

DENTRO O FUORI – Adesso la classifica vede la Juve al quarto posto, a pari punti proprio con il Napoli. A cui potrebbe bastare addirittura un pareggio a questo punto, avendo già vinto lo scontro diretto del San Paolo-Maradona. Ma il fatto di non poter-dover fare calcoli, può essere un vantaggio, almeno guardando a quanto proposto dalla Juve almeno nel finale del derby, quando si è tirata fuori dalla melma in un modo o nell'altro. E ora contro il Napoli si ricomincia, con la Juve che si gioca molto, Pirlo che si gioca tutto: forse un altro pareggio potrebbe ancora rimandare la questione, una sconfitta può essere fatale, una vittoria è quello che serve per ritrovare certezze e serenità senza doversi ritrovare a vivere un'altra vigilia disperata contro il Genoa. Primo problema da risolvere: che fare con Dybala, McKennie e Arthur? Perché forse la Juve, sempre che stiano bene, non può farne a meno ancora...