Juve, tre giorni di tamponi e dieci calciatrici in autoisolamento

Adx
Askanews

Roma, 17 mar. (askanews) - La Juve ha iniziato ieri e proseguirà oggi e domani, a fare i primi tamponi per verificare eventuali nuovi casi di positività al coronavirus. Esami effettuati dopo un periodo di incubazione, onde evitare risultati non veritieri. La società aveva fatto sapere che avrebbe emesso un comunicato solo in caso di positività, quindi evidentemente tutti negativi come scrive il sito di Sport mediaset. Fino a ieri erano 121 persone in quarantena, a queste oggi si sono aggiunte però 10 calciatrici della squadra femminile per le quali la Juventus ha comunicato di aver disposto l'isolamento volontario domiciliare. Le atlete durante la trasferta o il viaggio di ritorno dall'Algarve Cup, potrebbero aver avuto contatti con un soggetto che si è successivamente rivelato positivo al COVID-19. Le calciatrici, specifica la Juve, sono tutte asintomatiche. Parte dei giocatori alloggia in questo periodo al J-Hotel della Continassa, altri (come Cristiano Ronaldo che si trova in Portogallo) sono in autoisolamento nelle rispettive abitazioni. Per tutti è stato stilato un apposito protocollo di allenamento da osservare: la squadra ha lavorato assieme sino a mercoledì della settimana scorsa, ora la ripresa è indicativamente fissata per il 26 marzo, ma la data è quanto mai approssimativa in questo momento

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...