Juve: derby ad alta tensione tra esclusi, assenti e zona Champions a rischio. Pirlo si gioca la panchina

Nicola Balice
·2 minuto per la lettura

Sarà un derby diverso da quelli degli ultimi anni in casa Juve. Perché il momento è completamente diverso da tutto ciò che è stata la Juve negli ultimi anni. Casi interni ed esterni, risultati che non arrivano, incertezze sotto ogni punto di vista. Quindi al match con il Toro arriva una Juve che non può permettersi di sbagliare, con gli uomini contati un po' per forza e un po' per scelta, sapendo che domenica potrebbe essere una Pasqua da ricordare in senso negativo. E poi arriva il Napoli...

IL GRUPPO – Scelta tecnica da parte di Pirlo: non convocare Arthur, Dybala e McKennie per il derby, da domenica torneranno ad allenarsi e poi si vedrà. Scelta societaria: la multa, che sarà salata. Nel complesso questa decisione ha lasciato il segno anche perché in passato situazioni simili (magari meno gravi) erano state fatte correre. Ha lasciato il segno proprio come le ultime settimane di grandi delusioni e molte critiche, il fatto che il mirino sia stato puntato soprattutto sui giocatori anche dallo stesso Pirlo non è stato particolarmente gradito. Ora il gruppo è a un bivio: o si ricompatta o si sfalda del tutto.

PIRLO – È a rischio. Ufficialmente Paratici e poi Nedved lo hanno confermato, ma è a rischio. In vista della prossima stagione sicuramente, ogni partita può essere già decisiva nell'immediato. Se la Juve tra Toro e Napoli dovesse scivolare fuori dalla zona Champions, un cambio in corsa seppur clamoroso sarebbe tutt'altro che da escludere.

IN CAMPO – Bonucci e Demiral sono out causa Covid, Buffon è squalificato, Arthur (non avrebbe giocato), Dybala (sarebbe andato solo in panchina) e McKennie sono stati esclusi per gli ormai noti motivi. Poi bisogna fare i conti con chi è appena rientrato come Alex Sandro e Ramsey, ma anche con chi è stato spremuto in Nazionale come Ronaldo, De Ligt, Morata o Rabiot, senza dimenticare i timori di contagio per gli altri azzurri Chiesa e Bernardeschi come per Szczesny. Alla fine la formazione è quasi forzata: il vero dubbio sembra tra Alex Sandro e Ramsey con Bernardeschi o Kulusevski in terza battuta, con il brasiliano può salire Cuadrado a centrocampo altrimenti solita Juve. Con un solo allenamento e nemmeno con tutti a disposizione, la probabile Juve anti-Toro è questa: Szczesny; Danilo, De Ligt, Chiellini, Alex Sandro; Cuadrado, Bentancur, Rabiot, Chiesa; Morata, Ronaldo.