Juventus-Barcellona 3-0: Dybala fa il Messi, blaugrana al tappeto

Mercoledì il Barcellona tenterà una nuova remuntada in Champions League, intanto Neymar si prepara con qualche giochetto dei suoi...

Una serata da raccontare ai nipoti. Ammesso che si completi l'opera uscendo dal Camp Nou con la qualificazione in tasca. La Juventus, trascinata da un maestoso Dybala, supera nettamente il Barcellona, mettendo – al netto di quanto proposto recentemente dal Psg – l'approdo in semifinale concretamente nel mirino. Encomiabile la prova offerta dai penta-campioni, gara attenta in tutti i reparti, altro step di crescita verso l'élite internazionale.

Massimiliano Allegri, affidandosi al 4-2-3-1, è riuscito a dare una netta svolta alla stagione della Juventus. Ottimi risultati in campionato, terza finale di fila in Coppa Italia, Porto eliminato con il minimo sforzo. E sulla scia della continuità, il tecnico toscano s'affida a Buffon tra i pali; l'ex Dani Alves, Bonucci e Chiellini coppia centrale difensiva, Alex Sandro sulla corsia mancina; Khedira e Pjanic in mezzo al campo; Cuadrado, Dybala e Mandzukic alle spalle di Higuain. Risponde Luis Enrique con un ibrido 4-3-3 formato da Ter Stegen in porta; Sergi Roberto, Piqué, Umtiti e Mathieu nel pacchetto arretrato; Mascherano in cabina di regia a centrocampo affiancato da Rakitic e Iniesta; tridente fantascientifico con Messi, Neymar e Suarez.

La Juventus, optando per l'alto ritmo, con un colpo di testa di Higuain spaventa la retroguardia blaugrana. Ma il vantaggio è roba di minuti: mancino delizioso targato Dybala e bianconeri avanti. Barcellona, dopo il ceffone iniziale, a costruire lentamente la sua solita manovra, fatta di scambi rapidi e movimenti senza palla chirurgici. Buffon mostruoso su Iniesta, Ter Stegen ancora a raccogliere una palla dal sacco. Dybala, dannatamente in serata, non perdona. Possesso al Barcellona, primo tempo alla Vecchia Signora. Luis Enrique, ovviamente non contento della prova offerta dai blaugrana, getta nella mischia André Gomes per Mathieu, ridisegnando l'assetto tattico. Ospiti pericolosi in avvio di ripresa, Higuain da posizione favorevole a sprecare incredibilmente. La Juventus c'è e, questa volta grazie ad un corner, si regala persino il tris di testa con Chiellini. Suarez a sfiorare il palo. Attacco sterile del Barcellona, Juventus da applausi.


I GOAL

7' DYBALA 1-0 – La Joya, supportato da Cuadrado, con un sinistro a giro la infila lì dove Ter Stegen non può arrivare mai nella vita.

22' DYBALA 2-0 – Grandissima serata per il centravanti argentino e, nuovamente di sinistro, si regala una doppietta tanto importante quanto maestosa.

55' CHIELLINI 3-0 – Dagli sviluppi di un calcio d'angolo, il centrale toscano punisce inesorabilmente i blaugrana con uno stacco imperioso.

I MIGLIORI

JUVENTUS: DYBALA

La gioia, passando da una serata memorabile contro il Barcellona, ottiene la consacrazione europea: due reti, ma anche tanto lavoro sporco. Insomma, Messi battuto a pieni voti.

BARCELLONA: MESSI

In tema di campioni argentini, La Pulce prova a predicare nel deserto, non trovando però compagni all'altezza del blasone dell'incontro.

I PEGGIORI

JUVENTUS: HIGUAIN

Il Pipita fallisce clamorosamente l'appuntamento con il goal, palesando un'emozione eccessiva per un big match oggettivamente alla sua portata.

BARCELLONA: MATHIEU

Il 33enne difensore transalpino incappa in un pessimo voto in pagella, sostituito prontamente nella ripresa.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità